Graduatorie Gps e supplenze

GPS I fascia: destino dei candidati nelle mani degli Usr, se non vengono pubblicate in tempo le graduatorie non si potrà procedere con lo scioglimento riserva e un rinvio sembra difficile

Man mano che passano i giorni e ci si avvicina alla scadenza del 21 luglio, cresce la preoccupazione da parte dei candidati in attesa della pubblicazione, da parte degli Uffici scolastici regionali, delle graduatorie del concorso ordinario di scuola secondaria di primo e secondo grado. I lavori proseguono e la pubblicazione delle graduatorie anche, ma ne mancano ancora diverse. Ma si avvicina la scadenza fissata dal ministero per lo scioglimento della riserva, e se tutte le graduatorie non saranno pubblicate, per molti candidati si concretizzerà l’impossibilità di presentare la domanda per l’abilitazione e per la specializzazione sul sostegno.

Abilitazione senza valore

La beffa infatti potrebbe riguardare coloro i quali pur avendo superato tutte le prove concorsuali, potrebbero restare bloccati dall’impossibilità di sciogliere appunto la riserva. Senza la pubblicazione della graduatoria di merito definitiva, infatti, l’abilitazione non ha di fatto valore, rimandando tutto al prossimo anno.

Chi si è iscritto in seconda fascia e con riserva in prima fascia, può poi sciogliere la riserva in senso positivo solo quando l’ufficio ha pubblicato la graduatoria. Altrimenti si verrà esclusi dalla graduatoria di prima fascia con riserva, mantenendo quella di seconda fascia.

Chiesto un rinvio difficile

Per questo motivo in molti si chiedono come mai non venga posticipata la data per lo scioglimento della riserva per le gps. In questo modo si darebbe pari opportunità a tutti i candidati senza penalizzare coloro i quali restano bloccati da inghippi burocratici non avendone alcuna responsabilità.

Per il momento non sembra un’ipotesi percorribile: la data di scadenza per lo scioglimento della riserva si colloca all’incirca tra una settimana, e al momento non sembrano esserci segnali che lasciano presagire la volontà del ministero di procedere con una proroga.

Si confida nel lavoro degli Uffici scolastici regionali

Anche perchè la speranza da parte del Miur è che tutti gli uffici scolastici regionali riescano a rispettare la scadenze, consentendo ai candidati di sciogliere la riserva. Una prospettiva difficile ma certo non ancora impossibile da realizzare. In caso contrario si concretizzerà inevitabilmente un’ingiustizia da parte di coloro i quali, senza colpa, verranno esclusi dalla graduatoria di prima fascia con riserva, mantenendo quella di seconda fascia.