Graduatorie Gps e supplenze

Graduatorie Gps: se l’ufficio regionale non pubblica l’elenco entro il 20 luglio il candidato non può sciogliere la riserva

Anche quest’anno si rischia la sovrapposizione di termini e scadenze che possono mettere in difficoltà alcuni candidati. Nello specifico, il problema attiene le GPS. Molti candidati sono in attesa che la graduatoria del concorso ordinario venga pubblicata. Se questo non dovesse avvenire entro il 20 luglio, e il conto alla rovescia è già scattato, diventerà un problema sciogliere la riserva in prima fascia.

L’attesa per le graduatorie

Cresce l’ansia e contestualmente l’attesa per quel che riguarda le graduatorie GPS, con i candidati che hanno superato le prove del concorso ordinario o che si apprestano alla prova in questi giorni in attesa dei risultati. Senza graduatoria, infatti, non è possibile far valere il titolo. E la graduatoria dovrà essere comprensiva dell’elenco degli idonei.

Va considerato infatti che la graduatoria pubblicata entro il 20 luglio è decisiva per l’inserimento in prima o seconda fascia. La dichiarazione dell’abilitazione come titolo d’accesso è dichiarabile solo se l’Ufficio Scolastico Regionale ha prodotto la graduatoria di merito definitiva relativa alla classe di concorso di interesse.

Lo scioglimento della riserva

Entro il 20 luglio si può poi sciogliere la riserva, ma solo se l’ufficio avrà prodotto la graduatoria. Altrimenti verrà esclusa la graduatoria di prima fascia con riserva, e si manterrà quella di seconda fascia.

Non basta quindi aver superato le prove se la commissione non avrà pubblicato la graduatoria, atto formale che consente l’inserimento in prima fascia GPS.

Quindi si potrà sciogliere la riserva per l’ottenimento del titolo di abilitazione/specializzazione fino al 21 luglio, per il titolo conseguito entro il 20 luglio. Mancano una decina di giorni e la gran parte delle graduatorie non sono state ancora pubblicate. Molte riusciranno a rispettare la data del 20 luglio, consentendo ai candidati di sciogliere la riserva, ma non tutti. Chi appartiene alle graduatorie che non saranno pubblicate entro il 20 luglio, non avrà purtroppo modo di sciogliere la riserva.