Docenti precari: nel prossimo quadriennio doppio canale di reclutamento per stabilizzare i precari
Scuola

Concorso ordinario scuola 2022: richiesta modifica regione e classe di concorso

Il concorso ordinario scuola 2022 sarà bandito per le classi di concorso della secondaria I e II grado. Un concorso già bandito, di fatto, ma che dovrà essere rivisto e corretto alla luce delle novità intercorse nell’ultimo periodo. In questo senso, c’è da capire se il Ministero farà in tempo ad avviare il concorso già entro la fine di quest’anno, come annunciato. In ogni caso si tratta di un concorso he vedrà il suo completamento soltanto nel 2022.

Prove semplificate

La pandemia ha di fatto congelato tutti i concorsi, se si fa eccezione per il Concorso STEM, svolto pochi mesi fa. Come detto il bando emanato oltre un anno fa non ha più valore, dal momento che il Decreto Sostegni bis ha apportato modifiche sostanziali incompatibili con le modalità esposte in un primo momento dal ministero. Le prove saranno semplificate, a cominciare dall’addio alla prova preselettiva. Nelle prossime settimane, verrà nominata la commissione nazionale che avrà il delicato compito di mettere nero su bianco i quesiti della prova scritta, i quadri di riferimento, le tabelle di valutazione della prova.

La mancata riapertura delle domande per il concorso sta causando non poche polemiche, da parte di coloro i quali ritengono che, trascorso oltre un anno e cambiate alcune modalità del concorso, andrebbe data l’opportunità di iscriversi a coloro che non hanno potuto o voluto farlo oltre dodici mesi fa, a condizioni diverse.

Fanno eccezione alcune classi di concorso per le quali è prevista la riapertura dei termini di iscrizione:
A020 Fisica
A026 Matematica
A027 Matematica e fisica
A028 Matematica e scienze
A041 Scienze e tecnologie informatiche

Variazione regione e classe di concorso

Per queste classi di concorso, qualche mese fa il concorso ordinario si è svolto con apposito bando e procedura smart che ha previsto solo prova scritta e orale, senza valutazione dei titoli. Il fatto che sia passato tanto tempo dal bando originale, che adesso cambierà, sta portando molti candidati a chiedere di poter modificare la regione. La scelta in molti casi è stata fatta in base alla prova preselettiva, che adesso non c’è più. Altri invece avrebbero bisogno di cambiare o aggiungere la classe di concorso scelta.

Leggi anche: Come abilitarsi all’insegnamento 2021: addio ai 24 Cfu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *