Pensioni scuola 2022: come presentare domanda entro il 31 ottobre su Polis
Scuola

Pensione anticipata scuola 2022: come e quando presentare domanda, guida completa

Pensionamenti 2022: il Miur ha deciso di anticipare la scadenza per la presentazione delle domande al 31 ottobre 2021. Entro questa data tutto il personale del comparto scuola, dovrà presentare le domande di cessazione per dimissioni volontarie dal servizio o delle istanze di permanenza in servizio per raggiugere il minimo contributivo. Le domande vanno presentate tramite l’applicazione POLIS – Istanze on line.

Due istanze attive su Polis

Ci saranno due istanze Polis attive. La prima riservata alle tipologie con le domande di cessazione ordinarie: domanda di cessazione con riconoscimento dei requisiti maturati entro il 31 dicembre 2020 (opzione donna); domanda di cessazione con riconoscimento dei requisiti maturati entro il 31 dicembre 2022; domanda di cessazione con riconoscimento dei requisiti maturati entro 31 dicembre 2022, pensione di vecchiaia, requisiti minimi 67 anni e almeno 20 di contributi; domanda di cessazione con riconoscimento dei requisiti contributivi maturati entro il 31 dicembre 2022, pensione anticipata a domanda, con i requisiti contributivi di 41 anni e 10 mesi per le donne e 42 anni e 10 mesi per gli uomini; domanda di cessazione dal servizio in assenza delle condizioni per la maturazione del diritto a pensione; domanda di cessazione dal servizio del personale già trattenuto in servizio negli anni precedenti.

La seconda invece è riservata alla domanda di cessazione per la maturazione del requisito alla pensione “quota cento” entro il 31 dicembre 2021, 62 anni di età e 38 anni di contributi.

Dichiarazione di volontà

Al momento della presentazione della domanda di cessazione, gli interessati devono dichiarare espressamente la volontà di cessare comunque o di permanere in servizio una volta che sia stata accertata la eventuale mancanza dei requisiti.

In caso di scelta dell’APE sociale e la pensione anticipata per i lavoratori precoci ci sarà l’opportunità, dopo aver ottenuto il riconoscimento dall’INPS, di presentare la domanda di cessazione dal servizio con modalità cartacea entro il 31 agosto 2022.

Le domande vanno presentate sia tramite l’applicazione POLIS – Istanze on line, che all’Inps. Le domande inviate all’Inps possono essere trasmesse tramite domanda on-line accedendo al sito dell’Istituto, previa registrazione, tramite Contact Center Integrato (n. 803164) o mediante via telematica. In questo caso si può chiedere l’assistenza gratuita del Patronato.

Posticipare i termini

I sindacati, Anief in primis, chiedono di posticipare i termini, in modo da avere modo di capire che decisione verrà presa in merito all’eventuale integrazione della lista dei lavori usuranti e gravosi, l’eventuale proroga al 2022 di quota 100 o eventuali novità legislative che il Governo vorrà introdurre.

I sindacati chiedono che all’interno della categoria dei lavori gravosi che consentono di andare in pensione 4 anni prima, a 63 anni di età se in possesso di 36 anni di contributi, insieme ai maestri della primaria e i collaboratori scolastici, ci sia spazio anche per i docenti degli altri ordini di scuola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *