Aumento stipendi personale docente e Ata: "Almeno 300€ netti al mese"
Scuola

Aumento stipendi personale docente e Ata: “Almeno 300€ netti al mese”

Il Governo sta pensando a un aumento degli stipendi del personale docente e Ata della scuola. Lo ha confermato lo stesso ministro Bianchi, ma le cifre di cui si parla, secondo i sindacati, sono insufficienti. Le cifre emerse in queste ore parlano di un aumento medio di 150 euro lordi.

Anief ritiene questa cifra insufficiente: “Bisogna intervenire non con aumenti di 200 euro, che riteniamo il minimo indispensabile – ha detto Pacifico e con incrementi che portino anche al recupero dei sette punti percentuali del costo della vita che ancora mancano negli stipendi. Stiamo parlando di aumenti di almeno 300 euro netti per colmare questo gap”.

Italia fanalino di coda in Europa

Il mondo della scuola si trova da anni ad avere a che fare con il blocco del contratto nazionale. Cosa che ha inevitabilmente influito negativamente sull’adeguamento degli emolumenti. Il solo fatto che la media degli stipendi degli insegnanti in Italia sia ultima in classifica rispetto ai colleghi europei, pone l’accento su una questione la cui risoluzione diventa sempre più urgente.

Le ultime vicissitudini legate alla pandemia, poi hanno messo in evidenza ancora una volta, se possibile, la necessità di implementare all’interno degli stipendi, l’indennità di rischio biologico, equiparabile a quello del personale sanitario e medico. I sindacati chiedono anche l’indennità di sede, vale a dire una indennità di trasferta da conferire a coloro i quali vengono trasferiti o prendono servizio in un posto diverso dalla propria residenza. C’è poi la questione relativa all’indennità di incarico, legata alla situazione dei precari penalizzati da più di tre anni di contratti a tempo determinato nel sistema nazionale di istruzione.

Parità di trattamento tra personale precario e di ruolo

Altra questione che i sindacati chiedono al Governo di affrontare al più presto è quella legata alla necessità di parità di trattamento giuridica ed economica tra personale precario e personale di ruolo. Serve l’abolizione di ogni vincolo alla mobilità, rispetto ai trasferimenti e alle assegnazioni provvisorie, ma anche di soluzioni che portino a passaggi di ruolo per il personale docente e dell’attivazione di passaggi di profilo professionale per il personale ATA.

Un nuovo corso

La sensazione è che il Governo Draghi, con il conferimento dell’incarico della reggenza del dicastero dell’Istruzione al ministro Bianchi, abbia voluto imprimere un punto di svolta importante per risolvere le ataviche criticità che attanagliano il mondo della scuola da molti anni. Una sfida già iniziata, con il tentativo di immettere in ruolo tutti i docenti prima dell’avvio del nuovo anno scolastico, difficile ma possibile. E poi con la volontà di organizzare concorsi scuola con cadenza annuale che compensino la mancanza di docenti e riducano il fenomeno della supplentite. Ma la questione stipendi, la più dirigente perchè riguarda la sopravvivenza dei docenti, è certamente quella da affrontare al più presto.

12 commenti su “Aumento stipendi personale docente e Ata: “Almeno 300€ netti al mese”

  1. Buongiorno, questa bella notizia è solo per i docenti o anche per il resto del personale Ata anche di terza fascia?
    Grazie

  2. Amministrativi al 4 livello con responsabilità di funzionari con uno stipendio da fame parlare solo come ata di coll. Scolastico ma sapete cosa fanno gli amministrativi? E vogliamo parlare anche dei ticket mensa che solo i lavoratori della scuola non prendono a differenza di altri che fanno il nostro orario

  3. Cosa ne pensate del personale ata ex ente locale che nel 2000 passo con lo stato con lo stipendio decurtato non avendo anzianita di servizio………….

  4. Si parla solo e prettamente di docenti ma non sanno che il lavoro sporco lo facciamo noi che siamo bidelli dovrebbero passarsi la mano sulla coscienza perché per 1000 euro al mese abbiamo più responsabilità di chi è seduto dietro una scrivania avvolte senza nemmeno fare lezione e a leggersi il giornale …anche noi abbiamo famiglie e figli da mantenere un insegnante prende più di 2000 euro al mese e si lamentano e noi ? Quando parlate della scuola parlate prima dei bidelli e poi degli insegnati che molti dovrebbero fare i muratori o a lavorare nelle stalle …

  5. Da come scrive sig. Antonio, le converrebbe tornare tra i banchi a imparare un po’ di grammatica. Certamente chi legge il giornale “dietro la cattedra” non si tirerà indietro.. 2000 eur al mese? Studi sig. ANTONIO, si faccia un favore!

  6. Figuriamoci eppoi concludo in una situazione post crisi pandemia post crisi duemilaeotto dei titoli prime americani o ancora prima dal cambio della moneta in cui c e stato il più grande furto generalizzato della storia (metà del potere d acquisto fregato in un colpo solo a tutti i lavoratori italiani che hanno visto dimezzare i loro stipendi..nello scenario di un Italia tale e qual descritta figuriamoci se proprio ora l Italiaeil suo governo ha le forze la volontà ma soprattutto la capacità di guardare con uno sguardo così innovativo e lungimirante che tra l altro nn ha mai avuto ne mai avrà poiché solo in una civiltà dotta si cresce e si prospera vedi la Germania mentre noi siamo all ultimo posto della graduatoria europea x la comprensione di un teso scritto? !!!!
    la comprensione di un testo scritto si grafica che i definitiva noi tradotto x il volgo non capiamo proprio un cazzo!!!nemmeno dai nostri errori più recenti!?..3cco perché ora siamo fanlino di coda dell Europa….

  7. Stanno “pensando”, non hanno “deciso”. Anch’io ‘penso’… e penso male a ritenere che prima di decidersi, aspetteranno il momento adatto ad orientare il consenso elettorale…?

  8. Vi ricordo che ancora dovere pagare gli stipendi di maggio e giugno a moltissimi collaboratori scolastici, come potete aumentare gli stipendi se continuamente dite che non ci sono soldi???

  9. Trascorrono gli anni , aumenta il lavoro x assistenti… passweb etc, le finanziarie si arricchiscono , i ns sindacati ci devono tutelare…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *