Concorso dirigenti scolastici: scontro sui criteri per l'assegnazione degli incarichi
Scuola

Concorso dirigenti scolastici: scontro sui criteri per l’assegnazione degli incarichi

Continua a tenere banco il tema relativo all’immissione in ruolo sulla base del Concorso dirigenti scolastici. I sindacati stanno sollevando numerose perplessità circa le modalità di assegnazione degli incarichi dirigenziali ai vincitori di concorso. Il Ministero ha ufficializzato l’apertura immediata della procedura di assegnazione alle regioni sulla piattaforma POLIS.

Le operazioni si concluderanno a mezzanotte di giovedì 12 agosto. Si procederà con 396 nuove assunzioni. All’interno di queste, ci sono anche le 9 in regione Campania dalla graduatoria 2011. Il ministero ha anche provveduto a consegnare ai sindacati la tabella dei posti vacanti e disponibili suddivisi per regione.Concorso dirigenti scolastici: scontro sui criteri per l'assegnazione degli incarichi

No alla discrezionalità

Come detto però ci sono alcune criticità sollevate dai sindacati, in particolar moda da FLC CGIL, che ha chiesto quanto prima la pubblicazione sui siti web degli USR di tutte le sedi disponibili in ciascuna regione. Il sindacato, inoltre, è fermamente convinto che l’unico criterio per l’attribuzione degli incarichi, fatto salvo il rispetto della legge 104, debba essere la posizione occupata in graduatoria. Ciò significa che dovrebbe essere esclusa ogni valutazione discrezionale della professionalità pregressa. Cosa che invece sembra essere orientamento dell’amministrazione.

I sindacati inoltre consigliano il rispetto di criteri univoci nell’attribuzione degli incarichi ai vincitori ammessi con riserva da sentenze del TAR. Questo in modo da poter aspettare quale sia la pronuncia definitiva del Consiglio di Stato. In tutto ciò restano da conoscere la disponibilità per gli incarichi di tutte le sedi libere. All’interno di queste, ci sono anche quelle relative al personale in particolari disposizioni di stato che ancora sono disponibili per altro incarico.

Rispettare le graduatorie

Per quel che riguarda queste richieste, i sindacati attendono una risposta.

Così come c’è ancora da attendere il testo della nota che sarà inviata agli USR. I sindacati hanno ribadito di essere contrari all’impiego di criteri che mettano i DG degli USR nelle condizioni di decidere discrezionalmente sulla scelta dei Dirigenti scolastici, in un modo che ignora e in alcuni casi ribalta l’ordine gerarchico delle graduatorie. Lo farebbero valutando in maniera soggettiva titoli e incarichi svolti nel ruolo docente.

Ricordiamo che le immissioni in ruolo Dirigenti Scolastici anno scolastico 2021/22 prevedono l’autorizzazione di 450 posti, comprensivi di 54 trattenimenti in servizio e nove assunzioni dalla graduatoria del concorso 2011 in Campania.

Leggi anche: Concorso dirigenti scolastici: scattano le prime assunzioni dalla graduatoria

Vincitori da assumere

I Dirigenti Scolastici saranno assunti per scorrimento della graduatoria del concorso 2017, in cui sono ancora presenti 897 vincitori da assumere.

La graduatoria è ad esaurimento, e da questa stessa graduatoria saranno immessi in ruolo anche gli idonei. Al momento le assunzioni sono state disposte fino al n. 2523, il che fa rimanere in graduatoria 897 aspiranti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *