Concorso ordinario scuola primaria: quando si conosce il risultato della propria prova scritta
Scuola

Concorso straordinario secondaria: via libera alle prove suppletive

Buona notizia per tutti coloro i quali non avevano potuto partecipare al Concorso straordinario secondaria a causa del Covid. Il concorso straordinario 2020 per 32mila posti, per cattedra comune e di sostegno nella scuola secondaria, avrà una coda con le prove suppletive, come deciso dal Ministero dell’Istruzione.

Marcia indietro del Miur

Le prove aggiuntive “si svolgeranno secondo il calendario pubblicato in data 26 ottobre 2021 sul sito del Ministero dell’Istruzione”. Una decisione che arriva dopo i ricorsi presentati da Anief, che contraddicono la decisione iniziale secondo cui non si voleva dare la possibilità a chi, anche in presenza di un tampone positivo o di un’impossibilità associata al virus, non aveva potuto oggettivamente raggiungere la sede d’esame.

“Abbiamo sempre sostenuto che l’amministrazione scolastica non poteva ignorare le ragioni di tanti candidati che non poterono partecipare per via del Covid19 – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief -, abbiamo chiesto tante volte al ministero dell’Istruzione di prevedere una ‘finestra’ aggiuntiva per questi aspiranti docenti. Invece, ci è stata negata. Alla fine, siamo stati costretti a rivolgerci al giudice che ha dato ragione al nostro ricorso. È incredibile come anche le situazioni di più facile interpretazione, come quella di chi non ha potuto partecipare a una prova d’esame per motivazioni oggettive, non debbano essere prese in considerazione. Anche stavolta, comunque, abbiamo avuto ragione a tutelare tanti candidati che chiedevano giustizia. Come pure continuiamo a sostenere che le graduatorie utili per le immissioni in ruolo debbano essere formulate sulla base di tutti coloro che sono risultati idonei”, conclude Pacifico.

Le sedi delle prove

Per quel che riguarda le prove suppletive per il concorso straordinario 2020 per l’accesso nella scuola secondaria, il ministero dell’Istruzione specifica che in caso di ‘esiguo numero dei posti conferibili in una data regione, l’USR, individuato nell’Allegato B del D.D. n. 783 dell’8 luglio 2020 quale responsabile dello svolgimento dell’intera procedura concorsuale, provvede all’approvazione delle graduatorie di merito sia della propria regione che delle ulteriori regioni indicate nell’Allegato B medesimo”. Ciò significa che i candidati che hanno presentato domanda per le regioni per le quali è disposta l’aggregazione territoriale delle prove, espleteranno le prove concorsuali nella regione individuata quale responsabile della procedura concorsuale. La prova scritta avrà la durata di 150 minuti.

Il Ministero dell’Istruzione, inoltre, ha precisato che ‘l’elenco delle sedi d’esame, con la loro esatta ubicazione, con l’indicazione della destinazione dei candidati, è comunicato dagli USR responsabili della procedura almeno quindici giorni prima della data di svolgimento delle prove tramite avviso pubblicato nei rispettivi Albi e siti internet.

Leggi anche: Concorso ordinario scuola 2021: per alcune classi di concorsosi può presentare nuova domanda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *