Green Pass scuola abolizione: la decisione di oggi del Tar del Lazio
Scuola

Green Pass scuola abolizione: la decisione di oggi del Tar del Lazio

Il Tribunale regionale del Lazio conferma anche il decreto del Presidente della Terza sezione. Anief apre le adesioni per ricorrere d’urgenza in Consiglio di Stato. Per i giudici la pubblicazione del DPCM assorbe le eventuali illegalità commesse nei primi giorni di scuola nella verifica del possesso della certificazione verde, in linea con la legislazione sovranazionale. Sui risarcimenti patrimoniali legati al pagamento dei tamponi, in merito alle censure sul Protocollo di sicurezza firmato dal ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi con le altre organizzazioni sindacali, si discuterà nel merito.

Una decisione attesa

Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, dichiara: “Ci aspettavamo questa pronuncia, che non aggiunge niente a quella di un mese fa ma che era necessaria per poter fare agire i giudici di Palazzo Spada. L’attuale normativa, infatti, continuava a cozzare con il regolamento comunitario. In caso di nuovo rigetto, andremo anche alla Cedu dopo aver interessato la Corte di Giustizia europea sulla violazione del principio di non discriminazione. Noi, di sicuro, non ci fermiamo dinanzi a questo modo di agire illegittimo e discriminante nei riguardi del personale scolastico costretto a presentare la certificazione verde”.

Ricorso Anief

Il TAR del Lazio, in seduta collegiale, conferma nei contenuti il decreto del Presidente della Terza sezione – bis, a seguito della discussione in Camera di Consiglio del 5 ottobre. Anief ricorre d’urgenza in Consiglio di Stato per impugnare il provvedimento ed apre le pre-adesioni per far costituire gratuitamente ad adiuvandum tutto il personale scolastico contrario all’obbligo di possesso e di esibizione della certificazione verde, forte delle 150 mila firma raccolte da quest’estate.

Domanda pregiudiziale

Tra le nuove considerazioni che non hanno comunque affrontato la domanda pregiudiziale di remissione degli atti alla Corte di giustizia europea, per i giudici della terza sezione bis del Tar Lazio, la pubblicazione del DPCM di metà settembre assorbe le censure sulle illegali verifiche disposte dal ministero dell’istruzione all’inizio dell’anno scolastico sul possesso della certificazione verde nonché le dedotte violazioni della privacy, alla luce del parere favorevole del garante. Per il collegio, le censure relative alla sospensione della retribuzione, di altri compensi o emolumenti potranno essere discusse direttamente nel merito essendo ascrivibili a un mero danno patrimoniale non irreparabile, parimenti ai risarcimenti rispetto alle spese dei tamponi sostenute.

Leggi anche: App Sogei Green Pass: come funziona, perchè non è stata ancora approvata

Depotenziamento degli strumenti

Ad ogni modo, tali contestate prescrizioni del DPCM impugnato, troverebbero copertura legislativa ascrivibile a “un ambito di misure, concordate e definite a livello europeo e dunque non eludibili, anche per ciò che attiene la loro decorrenza temporale, e che mirano a preservare la salute pubblica in ambito sovrannazionale”. D’altronde, sempre per il Tar Lazio l’eventuale accoglimento della domanda cautelare apporterebbe un “depotenziamento degli strumenti (quali, appunto, quello incentrato sull’utilizzo del cd. Green pass), determinerebbe un vuoto regolativo foriero, nell’attuale fase non del tutto superata di emergenza pandemica, di conseguenze non prevedibili sul piano della salvaguardia della salute”.

Inevase tutte le denunce di illegittimità

Per lo studio legale del giovane sindacato rimangono, di fatto, inevase tutte le denunce di illegittimità poste nel ricorso e le esigenze cautelari d’urgenza sottese, a fronte di una palese violazione del considerando 36 del regolamento comunitario n. 953/2021 richiamato, ancora non corretto nella pubblicazione in lingua italiana nella gazzetta ufficiale europea del 14 agosto 2021, come da denuncia in Corte di giustizia europea (CGUE), e dei dati raccolti comparativi tra la diffusione del covid-19 nei mesi di agosto – ottobre 2020 e 2021 sia nel territorio nazionale sia in altra nazioni dove non è stato introdotto l’obbligo del green pass per il personale scolastico. Pertanto, è in corso di notifica l’appello in Consiglio di Stato per richiedere una nuova sospensione urgente dei provvedimenti impugnati.

La battaglia continua

Per Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, “l’ordinanza di oggi continua a eludere anche la denuncia sull’azione discriminatoria subita da alcuni lavoratori italiani, cittadini europei, e sulla privazione di alcune libertà personali e diritti inviolabili tutelati dal diritto comunitario. Questa battaglia di civiltà andrà, se necessario, fino alla corte EDU”.

37 commenti su “Green Pass scuola abolizione: la decisione di oggi del Tar del Lazio

  1. Piantatela con questo Teatro interminabile!
    Le persone non sono marionette e non viviamo sotto i riflettori per essere manipolati e strumentalizzati!
    È reato camminare per strada mascherati.
    No Green pass!!!

    1. Il green pass e’ stato uno strumento per fare le prove generali di un cambiamento radicale del vivere civile.
      La salute è stata solo un mezzo( e che mezzo! ) per poter attuare il programma in agenda.

  2. SI ANCH’IO CONFERMO L’INACCETTABILITÀ DEL GREEN PASS CHE È UNA GRAVISSIMA OFFESA ALLA DIGNITÀ DI OGNI CITTADINO OLTRE CHE DA CONSIDERARSI UN GRAVISSIMO REATO COSTITUZIONALE
    CHE LEDE LA LIBERTÀ PERSONALE
    E NON FA ALTRO CHE CREARE ANCOR
    DI PIÙ DIVISIONE SOCIALE MA ORMAI SIAMO VICINI AD UN INASPRIMENTO DI QUESTI
    CHE ALTRO NON SONO CHE DEI DECRETI DISPOTICI TIRANNICI CHE CI RIPORTANO INDIETRO DI 80ANNI CIOÈ AL FAMOSO 20ENNIO FASCISTA DEL SECOLO SCORSO
    E QUINDI SE NON VOGLIAMO FARCI
    DI NUOVO SCHIAVIZZARE CONVIENE
    NON ASCOLTARE PIÙ QUESTI PARASSITI
    DI POLITUCOLI MAFIOSI E MASSONI
    CHE PURTROPPO DA DECENNI SONO
    AL POTERE SENZA CHE NESSUNO
    LI ABBIA VOTATI E CON UN OPPOSIZIONE POLITICA DEL TUTTO ASSENTE COSÌ
    CHE GIORNO DOPO GIORNO SI ANDRÀ
    AD UNIFORMARSI IN UN UNICA PIATTAFORMA DI PARTITO CON UN SOLO LEADER AL COMANDO E QUINDI È ORA
    DI RIBELLARSI A TUTTO QUESTO ABOMINIO E INIZIARE A DIRE (NO) AL GREEN PASS.

    1. Scrivere in maiuscolo è sintomo di profonda maleducazione: è sinonimo di gridare.
      Pessimo insegnante senza ombra di dubbio

      1. Come determinati tipi di persone, di una certa mentalità politicamente corretta, lei guarda la forma e, se la sostanza non aggrada, ci si può permettere un laidò giudizio.

      2. Lei come si permette di giudicare se una persona è o no un bravo insegnante???Giorgio ha gridato in MIAUSCOLO e ha fatto bene, perché stiamo subendo un provvedimento iniquo che viola la Costituzione…E gridare su un sopruso non c’entra NULLA con l’essere o meno un bravo docente!!!Le è chiaro, Vittorio? Prima di sparare giudizi sugli altri valuti la Sua presunzione e la Sua saccenza

  3. E chiaro che non fanno altro che mettere i cittadini uno contro l’altro in modo che questi signori politici fanno quel che vogliono.il green pass non aiuta a curare il virus e la medicina che se ne deve occupare…invece i medici non fanno altro che andare in TV e fare politica .e non bisogna mettersi contro questi signori perché poi siete no vax negazionisti etc etc non accorgendosi che il vero negazionista e lo stato che non accetta le cure alternative non accetta il dialogo e in fine viola articolo 1 della costituzione. Che bravi i nostri politici e l’opposizione che fa resta a guardare .bravi.

    1. Lei come si permette frasi simili…. Il vaccino NON E’ OBBLIGATORIO. Ed è profondamente anti-costituzionale, in seguito a una libera scelta, dover pagare quasi 200 euro al mese per andare a lavorare. Violazione dell’art.1 della Costituzione. Le è chiaro??? VIOLAZIONE DELLA LIBERTA’ PERSONALE ED ECONOMICA

    2. Le mie dosi di vaccino le regalo a te, con tutto il cuore! Piuttosto organizziamoci in massa per non scaricare il marchio verde, il nostro problema sono i troppi colleghi e sudditi collaborazionisti e proni al potere, inconsapevoli dei propri diritti. Purtroppo nel mio istituto sarei l’unico a presentarmi senza greenpass, non va bene così, che prospettive abbiamo come popolo se ci facciamo manipolare in questo modo?

  4. Ma scusate questa è una presa di posizione solo personale x le vs paure io le avrei prese x cose più importanti come siamo governati e tutte le tasse che ci impongono che nn riesci più a respirare Allora l Unione avrebbe fatto la forza ma tutti c e ne siamo fregati e aspettato la manna dal cielo il vacino e l’ unica salvezza che abbiamo visto che siamo tutti provvisori in questa vita terrena e basta con dire cure alternative ma chi ve l ha raccontato Sono diventati tutti medici ok nn li volete fare ma abbiate il coraggio delle proprie scelte e nn sputate merda su altri invece siete i primi ad avere paura ma nn importa la vs decisione e questa contro milioni di persone diverse mi spiace ma la minoranza nn arriva

    1. I medici che hanno curato migliaia di persone sono fantastici, IppocrateOrg ha salvato 60000 persone, come i medici di Terapiadomiciliare C-19, con cure alternative, efficaci e serissime. SI INFORMI. E Lei si sbaglia. Essere una minoranza non significa NON ARRIVARE

  5. Ci sono tanti vaccinati e non che credono che la libertà è del singolo, possono comunicare civilmente fra loro e sono contro il green pass, basta con le etichette, basta con i cavalli di battaglia di chi si è vaccinato e non si vuole informare, fatevi una terza dose di informazione piuttosto che sparare cattiverie

  6. No vax? Se prendete il Covid pagatevi cure mediche e eventuale ricovero ospedaliero.
    No Green Pass? Statevene a casa e non molestate chi, a differenza vostra, ha una coscienza collettiva.
    All’improvviso scopro di vivere in un paese ridondante di medici, virologi, epidemiologi, sociologi …
    Ma quando l’auto si ferma, la caldaia non si accende, la lavatrice non scarica, si rompe una finestra … vi rivolgete agli esperti di Facebook o a qualcuno che ci capisce davvero?
    Se domani nascesse un movimento “No Scuola” o “No Magister” ? Difendereste e appoggereste questi vagheggiamenti?
    Perchè non avete alzato opposizione o protestato quando al personale sanitario è stato fatto obbligo di vaccino? Perchè non avete fatto parola di fronte alle sospensioni dei sanitari non vaccinati?
    Siate più seri e mostrate un comportamento più consono al vostro ruolo: vaccinatevi e scaricate il green pass

  7. Buon pomeriggio,io non sono in cane con tutto il rispetto come,pago le tasse e prendo 1100€ ho la dignità e non, vaccino mai. Il gren pass e solo una grandissima stupidaggine e non mi faccio un vaccino sperimentale. Draghi e la vergogna della nostra terra. Diceva il presidente Cosiga e una persona che porta alla morte a tutti.

  8. Ognuno può decidere se vaccinarsi o meno però se per accedere a scuola serve il green pass e non si vuole nemmeno farsi il tampone abbiate almeno il coraggio di non presentare il certificato medico. In questo caso non buttate fango sullo stato che mi accredita lo stipendio ogni 23 del mese? Vergogna

  9. io non voglio fare la patente per poter guidare! mi sento discriminato! quanta gente viene discriminata! io sono libero e devo essere libero di guidare senza regalare oboli e cedere al ricatto del codice della strada! vergogna!

  10. Non è giusto non è giusto in nessun verso si guardi questa nuova politica dell’essere tesserati..non si può andar avanti così. siamo un popolo di “razzisti” o civili? Draghi ci ha esposto bene bene dal fare la scelta del vaccino per il bene dell’umanità per tornare alla normalità! A me non porta che sia così, le restrizioni fanno ridere, gli studenti si ammalano per via delle finestre aperte.. cioè basta prese in giro. Io non sono insegnante, ma sto con chi grida al No Green Pass!!!

  11. Premesso che io sono una di quelle persone miracolato per le conseguenze dopo la 1 dose del vaccino….sono ugualmente contro il green pass. Ma dove è scritto che essere in possesso del green pass da la certezza di non avere il covid? Conosco più di un amico che, nonostante avesse il green pass perché vaccinati hanno ugualmente, purtroppo, avuto il covid. E queste sono le stesse persone che, avendo il green pass, erano libere di andare ovunque con il rischio di trasmettere il covid. Secondo me è più sicuro chi fa il tampone….se è negativo ovviamente non ha il covid ed avrebbe il diritto di entrare ovunque.
    Green pass non è sinonimo di “no covid”.

  12. Smettetela, di fare teatrini di bloccare strade , vaccinate i e basta. Perché io che sono vaccinata dovrei essere costretta a lavorare con gente non vaccinata. Si al greenpass.

  13. Riporto un intelligente commento e vi lascio riflettere:

    QUANDO NEL GREENPASS SARA’ INSERITO IL ‘BLOCCO FISCALE’
    L’ho già scritto tempo addietro: il greenpass è il ‘fine’ e non il mezzo. Vi hanno convinti che il greenpass è un escamotage, un ricatto affinchè la gente si convinca a vaccinarsi, e così, davanti ad una così grave ammissione da parte del Governo, avete creduto che questa è la verità.
    Ma la verità è ben diversa, e lo dimostra il fatto che basta anche un tampone per avere il greenpass, quindi è chiaro che lo scopo non è il vaccino. Ed allora? Lo scopo è di imporre il greenpass, abituare la gente ad avere un passaporto per accedere ai servizi, al cinema, al ristorante. Dunque, alla fin fine: perché non ti vaccini? Una punturina che ti salva la vita e riacquisti i tuoi diritti, la tua libertà. E tu ci pensi: mica capiterà proprio a me di essere quell’1 su mille, lo sfigato che muore di vaccino!
    Ma cerco di immaginare cosa può succedere fra uno o due anni.
    Un giorno ti presenti al cinema col tuo bel greenpass, ma il lettore non lo accetta. Riprovano, nulla, non lo rileva. Non vedi il film. Ti incazzi. La mattina dopo vai nella farmacia dove ti hanno fatto il greenpass, anche il farmacista non riesce a capire cosa non va nel tuo passaporto verde. Allora vai all’USL. E loro vedono che c’è un blocco nel tuo greenpass e ti dicono di rivolgerti al Comune. E lì scopri cos’è successo. “Lei signore, non ha presentato la dichiarazione dei redditi!” “E questo cosa c’entra col greenpass?” “Con l’ultimo DPCM è stato inserito il blocco fiscale nel green pass!” Allora chiami il tuo commercialista, lo insulti, gli dici che hai il green pass bloccato. Il poveretto in 24 ore ti presenta la dichiarazione, ti paga l’F24. Quindi ritorni al Comune, ma ancora il greenpass non si sblocca. L’impiegata consulta la tua scheda nel suo computer: “Signore, mi risulta che lei non ha ancora pagato una multa per divieto di sosta…” Allora resti di merda. Cominci a capire perchè i governi dei conti e dei draghi insistevano tanto per abituarti a vivere con un passaporto verde. E tu che credevi davvero che lo facessero per il tuo bene, perchè tenevano alla tua salute, e invece ti hanno fottuto. Grazie alla tua accondiscendenza, al tuo egoismo, ci hanno fottuti tutti!
    Forse a quel punto ti renderai conto che quelle persone che gridavano in piazza “No green pass!” non erano così coglioni come tu credevi.
    E stavano lottando anche per te, per la tua libertà. (Franco Caminiti)

  14. Sono una docente scuola di infanzia da anni ed è ridicolo presentatr il green pass senza nemmeno chiedere un check up di analisi x testimonianza della salute personale e x Tutelarr tutti… che sistema…e s mio avviso dovrebbe essere obbligatorio almeno 3 volte l’anno analisi di routine…..

  15. Il problema non è il vaccino, che fino ad oggi, che io sappia non è obbligatorio, ma avere un certificato per entrare al lavoro! Questo non è normale dovrebbe farci pensare… È poi il certificato cosa dice, che ho fatto il vaccino? che sono guarito? ma non dice quale è il mio stato di salute. Ha questo punto ogni azienda dovrebbe far fare hai suoi dipendenti i tamponi giornalieri è si creano così ambienti sicuri. Tanto lo sappiamo che il virus te lo becchi lo stesso anche con il vaccino!

  16. Il green pass è nato dalla cacca di un asino.
    Draghi deve essere decapitato x tutti i reati che ha commesso e sta commettendo
    Che senso ha se io vado nel parrucchiere non ci vuole il green pass poi vado a scuola x ritirare il libretto delle giustificazioni di mia figlia e non mi fanno entrare???fatemi capire il covid è pelato e al parrucchiere non va ma dato che è così intelligente sempre il covid lo trovo a scuola che sta studiando x essere a cora più intelligente…come dice Sgarbi capre capre e caproni aprite gliocchi che a breve ci sarà la 3 poi la 4 e poi la quinta dose x tutti se avete forza a superare tutte ste dosi..

  17. Lascio una risposta al amico Vittorio di prima che augura ai no vax di pagarsi le cure. Forse non capisce che un “no vax” è uguale ad uno “si vax” se paga le tasse. Basta con queste discriminazioni! Io vorrei capire se questo signore sarebbe disposto di donare un rene oppure un altro organo per il bene collettivo. Sicuramente esistono persone che allungherebbero la vita grazie a lui. Lo faccia per la salute dei suoi concittadini, visto che viene animato di un così grande pensiero altruista!

  18. Ma io non credo più a nessuno …..neanche ai sindacati…non si fa altro che parlare, parlare, parlare…..intanto le ingiustizie e discriminazioni vanno avanti…..

  19. Scrivo un altro commento.Sto ancora aspettando lo stipendio di Giugno per una supplenza nella Primaria con contratto Covid. È una vergogna! Io sono stata sempre presente a scuola, non ho fatto un solo giorno di assenza, nonostante il ” virus” sono stata in perfetta salute…

  20. La patente non si “fa”, si “consegue” ma se non vuoi, nessuno ti licenzia facendoti perdere il posto di lavoro, o sbaglio? Il nome sembra corretto.

  21. Il bello è che annualmente mandano in onda i film sul nazismo e dicono “per non dimenticare”. A me sembra che qui quasi tutti si siano dimenticati

  22. Io dico si obbligo green pass in primis per salvaguardare la salute delle persone più fragili e anziani e poi per me stessa e tornare ad avere la mia libertà e andare dove voglio io….perciò grido ad alta voce SI GREEN PASS

  23. Ai gentili signori che paragonano il siero genico a una patente per guidare forse bisogna ricordare che test scientifici condotti sia in Israele, ma anche in USA e nella nostra carissima EU dimostrano chiaramente come una o due dosi contano come un due di bastoni quando la briscola è denara.. è chiaro o ho parlato in modo troppo difficile? Non sta funzionando, le persone si ammalano, contagiano come gli altri e muoiono come gli altri, non in modo più leggero come hanno scritto.. ma vi rendete conto? Morire in modo più leggero? Dai su, siamo seri davanti a tutto questo

  24. Ma possibile che non si riesce a capire che i no green pass non ce l’hanno con la vaccinazione ma con la modalità violenta tipicamente fascista di come è stato imposto. E’ questo il problema !!!! Chiamiamo fascisti i novax ma in realtà fascisti sono stati quelli che hanno creato questa situazione, come successe nel periodo fascista dove 15 docenti universitari che non prrstarono giuramento furono privati della cattedra universitaria. E’ questo il punto che dà fastidio e che crea sdegno.
    È questa la cosa che lede la dignità umana e la libertà di manifestazione di pensiero e altera le regole di diritto.
    Su questa scia ai lavoratori ITA non è stato applicato il contratto di settore: Il green pass è stata la breccia per violare altri diritti dei lavoratori nel silenzio generale della gente e dei Sindacati.
    E quando un vicequestore viene sospeso per aver espresso delle proprie idee contrarie al governo, oppure quando la polizia lancia i lacrimogeni per disperdere i contrari al regime (come a Trieste) o come Radio Rai che definisce “anarchici” i lavoratori che manifestano contro il green pass (come faceva la TV “Luce” durante il fascismol) ….. ma non è fascismo questo ? Se questo non è fascismo allora la storia non insegna niente.

  25. Non ci sono parole per la stupidità.
    Si confonde la liberta di pensiero, con il dovere civico di cercare di rimanere in salute per noi stessi i nostri familiari e i concittadini. Dovevano rendere obbligatorio il vaccino.
    Ricordate quando ancora non c’era alcun vaccino, alcuna cura? Vivevate tranquilli??
    Io da quando ho il vaccino vivo più tranquilla e come insegnante voglio che chi entra a scuola abbia il green pass. Tutti.

  26. un insegnante che non conosce la costituzione deve essere licenziato in tronco. non chi non si vaccina.
    Non dimenticate la funzione sociale della scuola, che non é ubbidire al governo (a scuola non si fa politica) ma rispettare, insegnare e tutelare i valori della costituzione in quanto noi stessi rappresentanti dello stato.
    la costituzione è stato.
    il governo e i dpcm sono politica.
    il greepass non é una misura sanitaria. è una tessera di partito che garantisce diritti ad alcuni e ne limita ad altri, sulla base di un giuramento di fedeltà al governo (parole del segretario del pd). accettare questo significa non conoscere la costituzione e nemmeno la storia.
    se il problema è sanitario. è nella sanità che vanno presi provvedimenti, non violando l’articolo 1.
    la legge la devono rispettare tutti, anche il legislatore. accettare la violazione della legge da parte dello stato apre a 2 scenari:
    1. legittimazione della dittatura e trasformarci tutti da cittadini a sudditi.
    2. liberi tutti. la legge non esiste più. è giungla.
    provate ad andare in classe, fissare delle regole, pretendere che vengano rispettate e violarle voi sistematicamente. dopo quando pensate che la classe vi si ribelli contro?
    facciamo corsi miriadi di corsi dandoci pacche sulle spalle, ed. civica, bullismo, inclusione, giorni della memoria… poi quando c’è da metterli in pratica dove sono?
    avete provato ad ascoltare quello che si dicono gli alunni tra loro sulla questione vaccinati e non?
    stiamo allenando una generazione di razzisti, nazisti e discriminatori.
    chi ha studiato goebbels sa che si i iniziò tutto così.
    la verità è che la scuola ha smesso di fare la scuola. meri passacarte che ogni 23 passano a ritirare l’elemosina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *