Ricorso test medicina 2021: quando ci sarà il primo scorrimento graduatoria
Scuola

Concorso straordinario scuola: ecco il primo bando di concorso per la secondaria

A conferma dell’imminente avvio del concorso straordinario su tutta la Penisola, arriva la notizia della prima avvenuta informativa preventiva relativa all’imminente approvazione del bando di concorso straordinario per titoli ed esami per l’assunzione a tempo indeterminato di docenti della scuola secondaria per tutte le classi di concorso in Trentino. Che, lo ricordiamo, essendo regione autonoma segue un percorso differente dal resto delle regioni italiane. Ma il fatto che sia arrivato questo primo bando per il concorso straordinario, conferma come ci sia l’intenzione di provvedere entro il 2021. Si aspetta ora che faccia seguito il bando a livello nazionale con comunicazione del ministero.

A chi è riservato

Il concorso è riservato ai docenti non abilitati, in possesso del titolo di laurea e dei 24 cfu, inseriti nelle graduatorie d’istituto 2017-2021 e che abbiano effettuato almeno tre anni di servizio di insegnamento nelle istituzioni scolastiche e formative provinciali o nelle istituzioni scolastiche paritarie del sistema educativo provinciale o nelle istituzioni scolastiche del sistema nazionale di istruzione.

Punteggio minimo

Il bando non è stato ancora approvato in via definitiva, ma mancano solo pochi dettagli. Nello specifico è articolate secondo una prova senza punteggio minimo. I candidati supereranno la prova con punteggio superiore a 35/50. Chi ottiene questo punteggio minimo consegue anche l’abilitazione. Chi invece consegue punteggio inferiore ai 35/50 comunque supera il concorso, ma raggiungerà l’abilitazione attraverso un percorso che dovrà essere definito in accordo con il Ministero.

Il commento dei sindacati

Uil Scuola ha commentato il bando con parole positive: “È un buon bando, un bel risultato raggiunto. Duole la differenza imposta dal superamento di un certo punteggio ai fini del conseguimento dell’abilitazione: una sentenza del Consiglio di Stato afferma che titolo di accesso più 24 cfu equivalgono a titolo abilitante. Per questa ragione, chiediamo che gli eventuali percorsi da definire in accordo con il Ministero (anche perché siano successivamente spendibili su tutto il territorio nazionale) siano da intendersi alla stregua di un potenziamento della formazione iniziale”.

L’autonomia trentina

L’Autonomia speciale del Trentino (e del vicino Alto Adige/Südtirol, con il quale il Trentino forma la Regione autonoma Trentino Alto Adige) vede la sua nascita con l‘accordo italo-austriaco sottoscritto a Parigi il 5 settembre del 1946 dall’allora presidente del Consiglio italiano e ministro degli Esteri Alcide Degasperi e dal ministro degli Esteri austriaco Karl Gruber. Successivamente il testo dello Statuto, approvato dall’Assemblea costituente italiana (incaricata di scrivere la Costituzione dell’Italia repubblicana e post-fascista), è diventato la legge costituzionale n. 5, promulgata il 26 febbraio del 1948.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *