Docenti vaccinati: come cambia la quarantena con doppia dose
Scuola

Supplenze Gae e Gps 2021: nuovi posti disponibili fino a fine anno

Nelle prossime settimane e fino a fine anno, potranno verificarsi nuovi scorrimenti di GaE e GPS per rinunce o nuove disponibilità. Ma non tutti avranno diritto a ottenere la supplenza. In seguito al completamento della procedura di assegnazione delle supplenze al 31/08 e al 30/06, potrebbero emergere nuovi posti disponibili, derivanti da rinunce o eventuali nuove disponibilità.

Convocazioni possibili fino al 31 dicembre

Terminata la procedura informatizzata canonica, le nuove necessità da parte delle scuole potrebbero essere soddisfatte tramite scorrimento da GaE e GPS. Il termine per lo scorrimento da queste graduatorie, infatti, è consentito fino al 31 dicembre. A meno che le graduatorie non si esauriscano prima.

Se dovessero esaurirsi, i posti verrebbero restituiti alle scuole e i dirigenti scolastici li assegnano scorrendo le relative graduatorie di istituto. Non tutti possono però aspirare a ottenere questi posti residui. I requisiti per ottenere una assegnazione da questi posti sono:

  • aver presentato domanda entro il 21 agosto 2021;
  • non essere docenti riguardati dalle nomine (il sistema non deve essere giunto alla posizione dagli stessi occupata in graduatoria)

Sono quindi esclusi i docenti:

  • che non abbiano presentato domanda entro il 21 agosto 2021;
  • che non abbiano ottenuto la supplenza, pur essendo in posizione utile, in quanto non hanno espresso alcune sedi ove erano presenti posti disponibili (la mancata espressione di una o più sedi, infatti, è considerata come rinuncia per quella/e sede/i – vedi circolare n. 25089/2021 ).

Rinuncia a supplenza da GI per GaE o GPS

I docenti che rientrano in questi requisiti possono dunque essere chiamati per le supplenze temporanee conferite dai Dirigenti Scolastici tramite lo scorrimento delle graduatorie di istituto. La convocazione vale per le venti scuole inserite nella domanda presentata entro il 6 agosto dello scorso anno.

Se dovessero emergere nuove disponibilità al 31 agosto o 30 giugno i docenti che nel frattempo risultano impegnati in supplenze brevi e temporanee, potrebbero rinunciare a queste supplenze per accettare quella da GaE e GPS. E’ possibile infatti rinunciare a tutte le supplenze conferite da graduatorie di istituto, anche al 30/06 o al 31/8 per accettare supplenze da GaE e GPS. Si possono assegnare supplenze al 30 giugno e al 31 agosto dalle GI, quando le GaE e le GPS sono esaurite.

A che punto siamo

La procedura informatizzata sta proseguendo, tra tante difficoltà, nel tentativo che venga completata l’assegnazione di tutti gli incarichi in tempo per la presa di servizio coincidente con l’inizio delle lezioni che scatterà in gran parte di Italia a cominciare dalla prossima settimana. Nei prossimi giorni, in questo senso, si aspettano novità significative.

11 commenti su “Supplenze Gae e Gps 2021: nuovi posti disponibili fino a fine anno

  1. Il problema grosso sorge quando nell’onnipotente silenzio delle istituzioni e degli uffici ATP preposti, si verificano errori nella procedura informatica e allora si che sono cavoli a merenda, resti vittima dello scaricabarile delle competenze e non sai a chi, come e quando puoi contattare qualcuno. Quindi di che stiamo parlando? Bah, vergogna a tutti gli attori di questa terribile commedia

  2. Se da GI ho accettato una supplenza al 30/6 e vengo chiamata per una supplenza da GPS al 31/8, posso non accettare? Incorro comunque nell’esclusione dalle GPS per l’anno scolastico corrente?

  3. Purtroppo, nello scorrimento delle graduatorie non si tiene conto del fatto che ci sono docenti come me che da anni hanno stretto rapporti umani con allievi disabili e le loro famiglie e sono rimasti esclusi probabilmente per un errore dell’algoritmo. Noi docenti siamo esseri umani che lavorano con altri esseri umani. Tutto ciò è disumanizzante! Fate qualcosa vi prego!

  4. L’idea dell’algoritmo poteva essere buona se fossero state rese note, con largo anticipo, le regole delle assegnazioni. Ciò avrebbe permesso ai docenti di capirne la logica e compilare correttamente la domanda. Invece si è deciso di utilizzare un sistema non sufficientemente testato. I 150 record non sono stati sufficienti per indicare le preferenze in molte situazioni, quindi la rinuncia non è voluta ma forzata. Inoltre tutto ciò avvenuto in pieno agosto quando le persone sono in ferie, i sindacati chiusi e gli addetti ai lavori del Ministero della Pubblica istruzione assenti. Anche l’interfaccia da migliorare: come è possibile che un analista/programmatore non si accorga della necessità di inserire il pulsante (oltre a quelli già presenti per eliminare o per spostare in alto o in basso un record) ‘Inserisci record’, per permettere al docente di inserire in un punto esatto della sua lista una preferenza ed evitargli di scorrere tutta la lista fino a 150 record! Non parliamo poi del fatto che un sistema simile non garantisce continuità nè agli studenti nè ai docenti nè alle scuole stesse. Per tutto ciò ci vuole veramente il desiderio di fare in modo che niente funzioni nella scuola ….

  5. D’accordissimo con chiara e simona. Ma vi rendete conto di quello che hanno combinato? C’erano graduatorie gps dell’anno scorso che dovevano durare per due anni e quest’anno hanno deciso di fare questa porcheria in un periodo dell’anno improponibile (a cavallo di ferragosto) e soprattutto per così pochi giorni. Ma non hanno pensato che forse si sarebbero potuti verificare dei problemi di vario genere (intasamento internet, errori piattaforma, etc etc) e che forse sarebbe stato meglio farlo prima e per più tempo? Migliaia di docenti sono rimasti fuori proprio per questo. Cambiano i ministri ma una sola cosa è certa, l’incapacità totale ad organizzare e a prendere decisioni ragionevoli. Nomine in base ad algoritmi? Sono pazzi.

  6. Sono d’accordo con voi. Con questo sistema assurdo mi ritrovo a casa ancora senza assegnazione. Sono nelle Gae e GPS e sono stata scavalcata da colleghi con punteggio molto inferiore al mio, solo perché non c’è stata trasparenza e nemmeno supporto da parte dei sindacati quasi tutti in ferie, per consigli relativi alla scelta delle sedi. Non ho parole, è vergognoso.

  7. quindi se scorrono la graduatoria, chi non ha avuto una nomina in base all’istanza fatta e alle sedi espresse, non gli toccherà nulla nemmeno questa volta, se al suo punto erano arrivati, ma le sedi da lui richieste non c’erano???
    È vergognoso

  8. Ma voi lo sapevate che l’algoritmo mette come primo parametro, quindi privilegia, la scelta della scuola piuttosto che la posizione in graduatoria? cosicché ti ritrovi scavalcato da chi ha inserito il nome della scuola e tu che stai mille posti sopra ma hai messo il distretto in cui ricade quella scuola ti ritrovi fuori… e questo nonostante su tutte le informazioni e chiarimenti, compresi i tutorial dei vari sindacati, che circolavano su internet fosse vivamente consigliato di mettere distretti e comuni per avere più opportunità… senza parole

  9. Il sindacalista mi aveva consigliato di segnalare come preferenze i comuni e di nn flaggare spezzoni….sono stati chiamati quelli che hanno inserito le scuole e gli spezzoni, anche 300 posizioni sotto di me in graduatoria…neppure i sindacati sanno quel che dicono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *