Sciopero scuola fino al 20 settembre: le modalità e i disagi
Scuola

Sciopero del personale il primo giorno di scuola: classi pollaio, green pass e precariato nel mirino

Green Pass illegittimo, classi pollaio e record di supplenti. Sono argomenti più che sufficienti per spingere Anief a proclamare per il primo giorno di scuola lo sciopero del personale scolastico. Una scelta forte, per inviare un segnale altrettanto forte. Troppe cose non vanno e non sono state sistemate in vista di quello che si prospetta come l’anno scolastico più delicato della recente storia del nostro Paese.Sciopero del personale il primo giorno di scuola: classi pollaio, green pass e precariato nel mirino

Protocollo sulla sicurezza bocciato

Anief non ha sottoscritto il nuovo protocollo sulla sicurezza, e dunque protestare in concomitanza con il suono della prima campanella del 2021/2022 sembra inevitabile. Le criticità sono molte, ma certamente quella legata al sovraffollamento delle classi resta al primo posto. Un problema sollevato da anni, ben prima della pandemia. Problema che alla luce del problema dei contagi Covid, diventa di allarmante urgenza.

Marcello Pacifico: “Abbiamo bisogno di classi con non più di 15 alunni ogni 35 metri quadri e non di sanzioni e multe per chi non possiede un green pass per libera scelta o perché non può fisicamente permetterselo. Abbiamo bisogno di organici seri che possano rispondere a questa sfida senza più supplenti chiamati ogni anno. Avremo infatti 180 mila precari nonostante le nuove 50 mila immissioni in ruolo e le 110 mila autorizzate e poco più della metà del cosiddetto organico Covid (peraltro per i docenti da impiegare soltanto per i recuperi). Bisogna ripristinare il doppio canale di reclutamento per evitare l’avviso dei contratti a termine piuttosto che pensare di chiamare gli ennesimi supplenti al posto del personale senza green pass che pure ha lavorato in Dad e in presenza durante la crisi“.

Precari e classi pollaio, altro che Green Pass

Dunque distanziamento ma non solo. Il sistema di reclutamento insegnanti si è rilevato fallimentare, anche per quel che riguarda gli stessi supplenti. Il problema del precariato sta deflagrando in tutta la sua drammaticità. A pagare non solo i docenti che non hanno certezze sul loro futuro lavorativo. Ma anche e soprattutto gli studenti che non possono beneficiare della continuità didattica, presupposto fondamentale per una crescita a livello di istruzione e personalità.

Studenti già reduci da due anni scolastici contrassegnati dalla didattica a distanza, che ha prodotto una preparazione ben al di sotto degli standard minimi. Per questo il primo giorno di scuola ci sarà lo sciopero. Una scelta che potrebbe sembrare contraddittoria, perchè anche un solo giorno in meno nelle aule è una penalizzazione di cui gli studenti non hanno bisogno. Ma che resta l’unico strumento per far sentire la propria voce e veder rispettati i propri diritti fondamentali.

13 commenti su “Sciopero del personale il primo giorno di scuola: classi pollaio, green pass e precariato nel mirino

  1. Certo giusto scioperare non si risolve il problema discriminando una categoria di lavoratori soprattutto se già precari e dal futuro sempre incerto.
    Basta renderci la vita sempre più complicata!

  2. Sono sicura che vuoi per il rientro dalle ferie, vuoi che non ci sono i tempi,…Le scuole non comunicheranno lo sciopero.

  3. Hanno distrutto la scuola ed è indegno il modo con cui trattano i docenti privandoli dei loro diritti e pagandoli miseramente. Sono umiliati davanti a tutta la società….vergogna.

  4. Era ora di svegliarsi. La devono smettere con questa pseudo pandemia. Oramai il giochino si è scoperto. Esistono le cure e funzionano.

  5. Io aderiro’anche ad oltranza..ma dubito che lo facciano gli altri! Gli insegnanti hanno quasi tutti il green..e pensano a salvaguardare la loro pagnotta!

  6. Altra criticità, eliminare il metodo senza zaino nelle scuole che lo adottano per evitare la condivisione di oggetti, vettori di virus. Amen

  7. Non è giusto fare un tampone ogni due giorni . E solo un castigo e uno spreco di danaro dato che lo stipendio e minimo.

  8. Sono assolutamente d’accordo con lo sciopero!! Un giorno non basta!! Sciopero ad oltranza per almeno una settimana!!

  9. Sono tutte bestialità. Sono cantastorie che vanno avanti già da un bel po’. Nulla è cambiato.
    Ma fatemi la cortesia.
    Controlli più serrati. Non prendete in giro le persone, ne va di mezzo la Vs. Reputazione. Anche come responsabilità

  10. Concordo con questa scelta anche perché chi fa il tampone ogni 2 gg (assurdo) è sempre sotto controllo ma potrebbe comunque essere infettato dal vaccinato che non è immune, di conseguenza può essere infettato e infettare, quindi chi a il rischio maggiore?? È come il vaccino influenzale non si è immuni l influenza la si può prendere comunque e farla prendere anche agli altri…. È ora di finirla di prendere in giro la gente!! e il geen pass è solo un busines… per non dire altro…..

  11. Sono pienamente d accordo, Nn sono un insegnante.. Ma qualora le maestre del mio bimbo aderiscono… Sono dalla loro parte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *