Supplenze Ata 2021: via alle convocazioni da prima e seconda fascia
Scuola

Attività motoria scuola primaria: assunzione di insegnanti specializzati per 76500 classi

Attività motoria scuola primaria: sulla scia dei successi azzurri alle Olimpiadi di Tokyo, la scuola italiana si prepara a incentivare la passione nei confronti dello sport, e lo fa cominciando dai più piccoli. E così da settembre è prevista più attività motoria per un milione e mezzo di alunni delle elementari.

E’ un progetto portato avanti da “Sport e salute”, azienda pubblica controllata dal ministero dell’Economia e delle Finanze. Il programma prevede di investire qualcosa come 16,8 milioni che serviranno a migliorare la qualità e la quantità della disciplina sportiva nella scuola primaria. Per ottenere questo risultato, è prevista l’immissione in ruolo di insegnati specializzati che seguiranno 76.500 classi coinvolte nel progetto. Attività motoria scuola primaria: assunzione di insegnanti specializzati per 76500 classi

Piano straordinario di rilancio dell’attività motoria

L’attività motoria alle elementari sarà promossa grazie al via libera della società per azioni Sport e salute, azienda pubblica controllata dal ministero dell’Economia e delle Finanze e dedicata alla crescita dello sport di base. L’azienda ha votato e finanziato un piano straordinario di rilancio dell’attività motoria nelle scuole elementari.

Si tratta di un programma che mira a colmare una lacuna che riguarda questo ciclo scolastico. Alle elementari manca infatti la materia Educazione fisica. Una lacuna che riguarda la primaria e la scuola dell’infanzia, dove il docente di ruolo, laureato in Scienze motorie, non è previsto.

In collaborazione con il Miur

Grazie a questo progetto, in collaborazione con il ministero dell’Istruzione, la società guidata dall’avvocato Vito Cozzoli ha deciso di investire 16,8 milioni di euro che andranno proprio a colmare questo vuoto.

E così già dal prossimo anno scolastico, grazie all’accordo stipulato tra Sport e salute spa e il ministero dell’Istruzione, inizierà il progetto valido per 76.500 classi delle elementari. Il programma prevede che ci saranno una o due ore di Educazione motoria. Ciò che è più importante, è che non sarà attività motoria casuale, ma seguita da un insegnante specializzato. Il docente in questione verrà immessi in ruolo a tempo determinato con contratto della durata di un anno grazie ai fondi della società pubblica. A beneficiare di questo progetto saranno un milione e mezzo di alunni. Resterà scoperto un milione di alunni in Italia. Sale del 175% il numero di classi delle elementari coinvolte dal programma, rispetto all’anno scorso.

In attesa di una legge sulla “Motoria nel ciclo elementare”

Inizialmente i fondi riusciranno ad assicurare la copertura per un anno scolastico. Ancora da definire la geografia delle assegnazioni, con il Sud che sembra più bisognoso di colmare una lacuna che si trascina da diversi anni, anche per carenza di strutture come palestre. Poi il passo successivo sarà per l’anno scolastico 2022-2023 l’approvazione di una legge sulla “Motoria nel ciclo elementare”, come già proposto dal sottosegretario allo Sport, Valentina Vezzali, che uniformi il tutto.

Grazie a questo programma che si concentrerà sulla scuola primaria, si punterà sull’apprendimento delle capacità e degli schemi motori di base, sull’orientamento allo sport e sulla diffusione di sani stili di vita e di una alimentazione corretta.

Spazio e attenzione poi anche alle scuole secondarie di primo grado con il coinvolgimento di 1.000 istituti in Lazio, Molise e Abruzzo pari a 11.000 classi e 220.000 alunni.

14 commenti su “Attività motoria scuola primaria: assunzione di insegnanti specializzati per 76500 classi

  1. Bene qualcosa sembra muoversi! Come potranno i laureati in scienze motorie ad accedere a queste cattedre? Potete indicare tempi e modalità, grazie

  2. Felicissima di questa grande illuminazione, serve dare tanto ai piccoli, affinché possano da adulti essere preparati ad un ottima educazione sia motoria che alimentare grazie

  3. Attenzione la scuola è pubblica e non può essere trattata per interessi privati. Che assumwssero 75000 insegnanti ma che si lascino perdere progetti, un insegnante laureato o proveniente isef non ha bisogno di progetti per insegnare l’educazione motoria che non ha nulla a che vedere con lo sport ma abbraccia le numerose educazione. È una spesa troppo grossa…ma va fatta non ci prendiamo in giro

  4. La legge esiste ed è giacente al Senato da due anni. Prevede una sperimentazione, del tutto inutile perché all’estero l’educazione fisica è presente in tutte le scuole. Si dovrebbe immediatamente bandire il concorso e stabilizzare gli insegnanti di scienze motorie condannati a una perenne precarietà. Eppure sono bravi e competenti, la loro attività è un lavoro, non un gioco!!!

  5. Sarebbe già un grande passo avanti nell’ insegnamento dell’ educazione fisica per gli alunni della scuola primaria.

  6. Finché non ci sarà un “ruolo” e un’assunzione a tempo determinato da parte del Ministero dell’Istruzione e con stipendi pagati dal MEF,… è fuffa! Ma perché Sport e Salute? Ma che c’entra! La scuola èdeve essere governata dal “Ministero della Scuola”. Si abbia il coraggio di fare le cose come si deve!

  7. Vorrei sapere come è possibile essere chiamati per l’insegnamento di ed. motoria alla primaria. È richiesta la compilazione di una domanda o necessita altro? Mancano pochi giorni al primo settembre e vorrei sapere come si accede all’insegnamento di scienze motorie alla primaria.

  8. Buongiorno, sarebbe opportuno sapere quali scuole ne faranno parte e come poter accedere alla domanda. Non manca molto all’inizio dell’anno scolastico.
    Grazie

  9. Ci si augura che le assegnazioni vengano fatte su scorrimento delle GPS, e nel caso che siano le scuole a dover dare l’adesione a questa iniziativa, che vengano elencate tutte le scuole distinte per provincia e per tempo, in maniera tale che si possano inoltrare le domande…..che venga fatto tutto nella massima trasparenza

  10. ? Cosa c’è di diverso dai progetti passati? Passi avanti solo se diventerà ministeriale… Intanto per il bene dei bambini meglio di niente anche se non è la strada giusta. Bisogna anche pensare che moltissime scuole sono senza una vera palestra… Mi piacerebbe sapere come le scuole saranno scelte e in che modalita i laureati selezionati.

  11. I bambini devono imparare la cultura dello sport e il rispetto delle piccole regole. Muoviamoci! a 360° facciamo presto prima che le loro posture saranno inghiottite da cellulari e tablet!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *