Miur

Assegnazione supplenze, nuova circolare Ministero chiarisce punti chiave

Assegnazione supplenze, nuova circolare Ministero chiarisce punti chiave

A pochi giorni dal rientro a scuola, la circolare del Ministero dell’Istruzione circa le supplenze aiuta a chiarire la procedura per le sostituzioni di tutti quegli insegnanti che non torneranno regolarmente al loro posto, e non saranno pochi. Nello specifico, viene trattata la questione relativa al conferimento degli incarichi a tempo determinato per i docenti precari.

Ma con la nuova Circolare il Miur ha anche approfittato per specificare meglio le caratteristiche dell’organico COVID che servirà per fronteggiare le defezioni del corpo docente.

Ricordiamo che in caso di rinuncia o assenza alla convocazione non si avrà più diritto a ottenere nuova supplenza sulla base della GAE e delle GPS in base alla graduatoria relativa alla convocazione per il relativo insegnamento.

Chi si tira fuori dagli elenchi GAE per il sostegno può però accettare una nomina dalla stessa GAE per posto comune.

Per quel che riguarda le supplenze relative alla lingua inglese per la scuola primaria, saranno ottenibili dai docenti che vantano uno dei titoli indicati nel comma 17 dell’art.13 dell’O.M. 60/2020. Titoli la cui validità dovrà essere verificata dalla scuola di servizio.

Privilegio Messa a Disposizione riservato ai docenti rimasti fuori dalle graduatorie provinciali e da quelle d’istituto.

Discorso diverso per il ricorso seriale relativo agli ITP. In questo caso se si configura esito negativo della vertenza scattano le modalità per fare in modo che all’esclusione della 1 fascia GPS faccia seguito l’inserimento nella 2 fascia GPS, e altrettanto per le graduatorie d’istituto.

I posti aggiuntivi relativi all’emergenza Covid costituiscono supplenze temporanee. Per assegnare questi posti, si dovrà fare riferimento alle graduatorie di istituto. Se dovesse scattare nuovo lockdown, si considerano nulle.