Politico abusa di 13enne centinaia di volte: farà solo sei anni di prigione

Questo politico di estrema destra ha abusato di una ragazza di 13 anni per 108 volte ed è fuggito con attraverso l’Europa fino a quando non è stato catturato cinque anni dopo. Farà solo sei anni di prigione.

Bernhard Haase, 58 anni, è stato condannato a sei anni di carcere dopo che un tribunale di Friburgo, nel sud-ovest tedesco del Baden-Wuerttemberg, lo ha riconosciuto colpevole di reati di sottrazione di minori e 108 imputazioni sessuali.

La vittima di Haase, Maria Henselmann, ora 19enne, ha coraggiosamente testimoniato in tribunale contro Haase.

Maria disse: “Queste dichiarazioni, l’intero processo e le parole pronunciate dal giudice. Quando tutto questo era finito, tutti gli ultimi anni erano finiti. Tutto in una volta – come se un enorme fardello fosse stato tolto di mezzo. ”

Si dice che Maria abbia incontrato Haase, un elettricista esperto che era l’ex tesoriere del partito di estrema destra “Die Republikaner” (“I repubblicani”) nello stato tedesco del Nord Reno-Westfalia, online nel 2002 e gli disse che stava soffrendo di problemi familiari a casa.

A quel tempo, Maria pensava che Haase fosse il suo vero amore e che le importava profondamente di lei, anche se ora si rende conto che era un pervertito e gli investigatori hanno trovato nel suo computer pornografia infantile.

Haase è riuscito a manipolare la tredicenne per iniziare una nuova vita con lei, fuggendo insieme in Polonia.

Maria ha detto che ha permesso a Haase di abusare di lei solo perché pensava che la situazione sarebbe peggiorata solo se lei avesse rifiutato.

Ha detto: “Ho dovuto vivere insieme a lui. Cosa sarebbe accaduto quando se non avessi voluto più fare sesso? Sarebbe stato piuttosto strano e avrebbe detto qualcosa come “se non vuoi, allora non mi prenderò più cura di te”.

Maria ha aggiunto che ha deciso “solo di chiudere gli occhi per cinque minuti e di lasciargli fare quel che voleva” invece di correre il rischio di litigare.

La polizia ha trovato la macchina di Haase insieme al suo cane Simba abbandonata a breve distanza in Polonia nel luglio 2013, ma poi ha scoperto le tracce del politico e dell’adolescente.

La coppia avrebbe quindi viaggiato dalla Polonia attraverso diversi paesi dell’Europa dell’Est in Italia, dove vivevano nella città costiera siciliana di Licata.

A Licata, fingevano di essere padre e figlia, dicendo che la madre di Maria era morta anni addietro, vivendo in una casa semi-abbandonata e affidandosi alle mense per il cibo.

Un vicino ha detto: “Per quattro anni hanno occupato una casa fuori Licata. Una rovina, senza finestre o porte, assolutamente primitiva. ”

Un altro disse: “Erano vestiti in modo ordinato. Erano sempre tranquilli, non chiedevano nulla. Abbiamo chiesto loro se avevano bisogno di qualcosa, abbiamo comprato zucchero, pane, latte e carne per loro “.

Nessuno ha chiesto perché entrambi dipendevano dal benessere della chiesa per il cibo o perché Maria non frequentava la scuola.

Alla fine Maria decise di lasciare Haase e di andare alla polizia dopo il suo diciottesimo compleanno. Quando Haase si rese conto di ciò che aveva fatto, sarebbe diventato matto e corse fuori gridando per le strade di Licata, dopo di che i locali preoccupati chiamarono i poliziotti che poi lo arrestarono.

Secondo la madre di Maria, Monika Beisler, le condizioni in cui i due vivevano in Italia erano orrende.

Ha detto: “Se la gente sapesse cosa ha passato la bambina in Sicilia, nessuno direbbe che era innamorata di Haase”.

I pubblici ministeri speravano che il tribunale avrebbe anche ordinato ulteriori detenzioni preventive, che i giudici tedeschi possono ordinare se l’autore è considerato un rischio per la società in casi gravi, ma il tribunale non ha deciso di ordinare il provvedimento contro Haase.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.