Ubriaca alla guida non vede Bmw fermo al semaforo: l’impatto è devastante

Questo è il momento in cui una donna che si è messa alla guida ubriaca fa schiantare una Maserati sul retro di una BMW ferma al semaforo prima che il motore tedesco esploda in una palla di fuoco e uccida due occupanti all’interno sul colpo.

L’autista della Maserati Tan, 23 anni, identificata con il suo cognome, ha colpito la berlina BMW mentre scappava da un precedente incidente, secondo la polizia nella città di Yongcheng, nella provincia di Henan, nella Cina centrale.

Tan è stata filmata dai residenti locali dopo che si è scontrata con un certo numero di auto parcheggiate. Il filmato mostra le sue manovre a bordo del lussuoso SUV e il tentativo di farsi largo attraverso una strada laterale.

Qualche minuto più tardi, tuttavia, una macchina da presa al traffico all’incrocio tra East Outer Ring Road e Yongxing Street ha catturato il momento stesso in cui travolge il retro della BMW ferma, in attesa del verde.

L’impatto manda il mezzo in fiamme, che trasportava tre persone.

La Maserati di Tan viene distrutta dall’incidente e un passeggero femminile può essere visto volare via dal sedile del passeggero anteriore.

Le immagini di testimone mostrano una grande folla riunita intorno alla Maserati distrutta mentre la BMW brucia in modo incontrollabile in lontananza.

La polizia ha detto che due dei tre occupanti della BMW sono morti durante l’incendio, mentre il terzo è rimasto gravemente ferito ed è ancora in cura.

L’Ufficio per la sicurezza pubblica Yongcheng ha dichiarato che Tan, così come i passeggeri Zhang e Liu, erano stati arrestati per “reati contro la sicurezza pubblica”.

Anche il terzetto è rimasto ferito durante l’incidente, ma non si ritiene che sia in pericolo di vita.

La polizia ha detto che un rapporto di tossicologia mostrava il livello di alcol nel sangue di Tan a 167,66 mg / 100 ml – più del doppio limite di guida legale della Cina di 80 mg / 100 ml.

Non è ancora chiaro se Tan fosse la proprietaria della Maserati, o se avesse noleggiato il veicolo.

Ulteriori indagini sono ancora in corso.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.