Si avvicina a un folletto di 80 chili, i genitori si voltano e restano sconvolti

Tre persone sono state accusate di essere responsabili della morte di un bambino di cinque anni che è morto quando una statua di un folletto di 80 chili è caduta su di lui durante una vacanza in famiglia.

Valentin, cinque anni, originario della capitale austriaca di Vienna, è stato schiacciato da una statua di un folletto alto 1,7 metri mentre era in vacanza nella montagna Gerlitzen nello stato austriaco della Carinzia.

La statua, che pesa circa 80 chilogrammi (176 libbre), presumibilmente non era stata fissata correttamente e cadde facilmente.

La tragedia è avvenuta quando il ragazzo, che stava camminando dietro a sua madre e ai suoi nonni è stato colpito dalla statua situata in un museo alpino. Probabilmente attratto dalla figura, il bimbo si è avvicinato e l’ha toccata facendola cadere su di lui. Poichè stavano camminando pochi metri davanti a lui, i genitori non hanno visto esattamente cosa è successo. Hanno solo sentito il tonfo e quando si sono voltati sono rimasti sconvolti dalla scena.

Ha subito gravi lesioni alla testa e al torace e ha dovuto essere rianimato sulla scena prima di essere portato in ospedale, ma poi è morto mentre veniva curato da medici.

Il caso giudiziario afferma che la statua era stata malamente scolpita, cosa che la rendeva instabile, e non era stata montata correttamente nel terreno, e che nessun tentativo era stato fatto per assicurarlo in seguito nonostante il fatto che si potesse chiaramente notare che era instabile.

I responsabili sono uomo di 53 anni che scolpì la figura di legno e la montò male in un luogo non sicuro, così come il direttore della comunità agricola, anch’esso di 53 anni, che possedeva la terra in cui era poggiata.

Sono entrambi accusati di omicidio colposo per negligenza, mentre un terzo uomo che era il proprietario della statua è stato accusato di violazione del dovere di diligenza per aver permesso di montare la statua senza verificare che fosse fissata in modo sicuro nel terreno.

Il caso è stato rinviato per diversi mesi mentre l’ufficio del pubblico ministero di Klagenfurt ha cercato di determinare chi può essere ritenuto responsabile della morte del ragazzo di cinque anni, che stava camminando in montagna con la madre e i nonni quando il incidente accaduto.

I tre affronteranno tra un anno la violazione del dovere di diligenza e tre anni per l’accusa di omicidio colposo.

Il portavoce dell’ufficio del procuratore di Klagenfurt Markus Kitz ha dichiarato: “Un esperto ha scoperto nel suo rapporto che la figura non era attaccata e quindi poteva essere rovesciata toccandola leggermente”.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.