Mette lo smartphone a caricare, ma si accorge che c’è qualcosa di strano

Questo è il momento in cui un proprietario di un Samsung S10 è costretto a versare una bacinella d’acqua sul suo dispositivo da 688 GBP dopo che ha iniziato a fumare e poi ha preso fuoco proprio un giorno dopo aver iniziato a usarlo.

Le immagini fornite ad Asia Wire dal proprietario, il signor Huo, mostrano che lo ha lasciato cadere sul pavimento, con il dispositivo che emetteva fumo dalla sua batteria.

Il signor Huo, che vive a Urumqi, capitale della regione del Xinjiang nel nord-ovest della Cina, getta acqua sul dispositivo mentre il Samsung sfrigola e scricchiola sul pavimento.

Il video è stato girato appena due giorni dopo che Mr Huo ha ordinato il negozio ufficiale di Samsung sul sito di e-commerce cinese JD, e un giorno dopo il nuovo dispositivo è stato consegnato alla sua porta.

Ha detto ai media locali: “Mi stavo preparando ad importare i miei dati nel telefono quando ho realizzato che la batteria era quasi scarica.

“Ho inserito il cavo dati per caricare, ma dopo un po’ ho visto che non era stato effettivamente caricato. Il cavo e il telefono erano caldi al tatto.

“Ho tirato fuori il cavo, ma poi il telefono è diventato ancora più caldo – come il fondo di una padella.

“Non potevo tenerlo e l’ho lasciato cadere. Ha iniziato a emettere fumo e ha preso fuoco.

“Ho preso una bacinella d’acqua e l’ho versata sul telefono. Il fuoco si era già spento in quel momento, ma continuava a fumare e scoppiettare.

“L’ho riconsegnato il giorno dopo, hanno detto che avrebbero indagato, ma non ho avuto notizie”.

Le immagini del dispositivo 5.999-RMB (688-GBP) mostrano il suo involucro di plastica che si è carbonizzato e fuso. Ha una batteria al litio.

Il signor Huo ha detto che ha preso il telefono in un centro di assistenza clienti di Samsung in Urumqi subito dopo.

Ha detto: “Il rappresentante del servizio ha scattato alcune foto, ha scritto un modulo e voleva prendere il telefono, ma non ero d’accordo.

“Poi ho ricevuto una telefonata da Samsung il 10 giugno in cui dicevo che dovevo consegnare il telefono a loro per ispezionarlo.

“Così, a malincuore, ho dato il telefono al centro di assistenza Samsung, ma è passato quasi un mese e da Samsung non ha ricevuto alcuna risposta”.

I rappresentanti cinesi del colosso dell’elettronica sudcoreano non hanno ancora risposto pubblicamente all’incidente, e il signor Hou ha finalmente deciso di renderlo pubblico il 30 giugno.

JD, con sede a Pechino, conosciuta anche come Jingdong, avrebbe offerto al signor Huo un rimborso completo.

Huo ha dichiarato oggi ad Asia Wire (2 luglio): “Desidero comunque che Samsung indaghi e fornisca una spiegazione esaustiva, oltre a rassicurarmi che non accadrà di nuovo.

“Ho presentato il caso alle autorità dei diritti dei consumatori oggi, ma Samsung deve ancora contattarmi.”

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.