Il caravan degli orrori: “All’interno cose che vanno oltre l’immaginazione”

Due sospetti nel caso di pedofilia del caravan degli orrori che ha coinvolto minori di appena quattro anni hanno ammesso di aver abusato di 34 vittime in tribunale. Il processo dei presunti pervertiti del campeggio è iniziato tra l’enorme attenzione dei media giovedì mattina alla corte distrettuale di Detmold, nello stato tedesco occidentale del Nord Reno-Westfalia.

Il caso si concentra sul fatiscente parco Eichwald nella città di Luegde dove i pubblici ministeri ritengono che circa 40 ragazzi e ragazze di età compresa tra i quattro ei 13 anni siano stati violentati più di 1.000 volte dal principale sospettato Andreas V., 56 anni, e dal vicino di campeggio Mario S., 34 anni, che sono stati entrambi arrestati a gennaio di quest’anno.

Un terzo sospetto identificato come Heiko V. di 49 anni è anche sotto processo per aver visto il presunto abuso tramite una webcam, e gli investigatori avrebbero trovato decine di migliaia di video porno per bambini a casa sua.

Tuttavia, il processo è stato finora incentrato sul presunto stupro di 34 vittime che entrambi i sospettati hanno ammesso in tribunale oggi, secondo i media locali.

L’avvocato di Andreas V., Johannes Salmen, ha dichiarato: “Il mio cliente ammette tutti i casi di cui è accusato. Tuttavia, non fornirà alcuna informazione personale, risponderà alle domande o si lascerà valutare psicologicamente “.

L’avvocato Juergen Bogner ha detto a nome del suo cliente Mario S .: “Confesso di aver abusato di questi bambini e realizzato immagini per i miei bisogni privati. Fino a quando non sono stato in custodia non ho capito quali atti terribili avevo commesso.

“Non sarà possibile fare ammenda, ed è per questo che voglio evitare che i bambini debbano testimoniare. È un tentativo di scusarsi. Mi vergogno e me ne pento. Credetemi, le scuse sono sincere. ”

Il giudice della presidenza Anke Grudda ha affermato che le accuse, come delineate nell’atto di accusa, sono “indiscutibilmente disgustose”.

Ha detto che “le accuse non lasciano nessuno intoccato” e ha promesso di esaminare in modo approfondito e imparziale le prove di ogni caso.

Trenta co-attori rappresentati da 19 avvocati e 53 testimoni appariranno in tribunale. Finora sono stati programmati 10 giorni di prova con un verdetto previsto per la fine di agosto.

Secondo i media locali, gli investigatori ora dicono che i bambini non sono stati solo violentati, ma anche costretti a fare sesso tra loro.

Secondo quanto riferito, uno dei sospetti ha costretto una giovane vittima nel parco dei caravan ad abusare di altri bambini mentre registrava l’atto.

L’avvocato Peter Wueller rappresenta quattro delle vittime e afferma che “quello che è successo a Luegde supera ogni immaginazione”.

Ha aggiunto: “È difficile leggere le affermazioni dei bambini senza diventare emotivi. Se guardo i volti dei piccoli e poi leggo ciò che è stato fatto loro, mi sento male. ”

In precedenza, il ministro dell’Interno della Renania settentrionale-Vestfalia Herbert Reul aveva avvertito che gli investigatori potrebbero non essere in grado di far fronte alle prove sostanziali.

Reul ha dichiarato: “Ci siamo trovati di fronte a una montagna di dati, immagini e film”.

Secondo Reul, le prove sono così grandi che un ufficiale di polizia avrebbe “bisogno di 2.000 anni” per guardare tutto il materiale.

Wueller ha detto che le prove dell’ufficio del pubblico ministero mostrano che i ragazzi e le ragazze sono stati stuprati in ogni modo immaginabile, anche con oggetti, con alcuni bambini che cercano invano di difendersi.

Secondo i media locali, le prove comprendono circa 15 terabyte di dati, tra cui tre milioni di immagini di pornografia infantile e 10.000 video.

Scontri investigativi hanno gettato una luce buia sul caso, in quanto le prime notizie sull’abuso di massa di bambini sono state trasmesse alle autorità nel 2016, secondo i media locali.

Il padre di due Jens Ruzsitska ha riferito di aver segnalato il principale sospettato Andreas V. sia alla polizia che all’ufficio per il benessere dei giovani dopo averlo visto aggirarsi intorno ai bambini ad una festa di compleanno nella città di Bad Pyrmont, ma non è stata intrapresa alcuna azione.

Sono in corso indagini su diversi agenti di polizia e impiegati degli uffici sociali per stabilire perché le precuazioni non siano state prese molto prima.

Il processo continua.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.