Bimbo si chiude in auto e non vuole più uscire: il motivo è inquietante

Fino a che punto si può arrivare per non rinunciare ai propri videogiochi? Questo bambino si è rinchiuso in una macchina per giocare ai suoi videogiochi in pace, costringendo i suoi genitori a chiamare i vigili del fuoco per tirarlo fuori, ma ha continuato a fissare il suo dispositivo incurante del trambusto.

L’incidente è avvenuto nella città di Pasir Mas, nell’omonimo distretto situato nello stato malese del nord di Kelantan, e le foto sono state condivise su Facebook dal netizen ‘Kopiah kau senget’ e accreditate al padre del ragazzo.


I servizi di emergenza sono intervenuti per sbloccare l’auto.
Secondo i media locali, la famiglia era in giro quando il ragazzo, il cui nome e la cui età non sono stati resi noti ma era stato definito un bambino dai media locali, temeva che i suoi genitori gli avrebbero portato via il suo dispositivo elettronico.

 

La marca e il modello del dispositivo non sono stati segnalati.

Secondo i rapporti redatti il bambino ha cercato rifugio nell’automobile di famiglia, ha chiuso a chiave le porte e si è rifiutato di uscire in modo che potesse continuare a giocare al suo gioco in pace.

I genitori implorarono il giovane di sbloccare le portiere dell’auto, ma a quanto riferito il bambino li ignorò e continuò a giocare, lasciandoli senza altra scelta che chiamare i servizi di emergenza.

Durante il salvataggio, il ragazzo non ha perso tempo e ha continuato a giocare sullo smartphone.


I pompieri sono arrivati ​​sulla scena e hanno dovuto irrompere in macchina per salvare il ragazzo, secondo i media locali.

Testimoni oculari hanno detto che il bambino è rimasto ignaro del rumore e delle operazioni di soccorso che stavano avvenendo fuori dai finestrini dell’auto.

Non è chiaro se il bambino abbia finito il suo gioco prima che i vigili del fuoco alla fine abbiano fatto irruzione nel veicolo.

Questo bambino si è rinchiuso in una macchina per giocare ai suoi videogiochi in pace, costringendo i suoi genitori a chiamare i vigili del fuoco per tirarlo fuori, ma ha continuato a fissare il suo dispositivo incurante del trambusto.

L’incidente è avvenuto nella città di Pasir Mas, nell’omonimo distretto situato nello stato malese del nord di Kelantan, e le foto sono state condivise su Facebook dal netizen ‘Kopiah kau senget’ e accreditate al padre del ragazzo.

I servizi di emergenza sono intervenuti per sbloccare l’auto.
Secondo i media locali, la famiglia era in giro quando il ragazzo, il cui nome e la cui età non sono stati resi noti ma era stato definito un bambino dai media locali, temeva che i suoi genitori gli avrebbero portato via il suo dispositivo elettronico.

La marca e il modello del dispositivo non sono stati segnalati.

Secondo i rapporti redatti il bambino ha cercato rifugio nell’automobile di famiglia, ha chiuso a chiave le porte e si è rifiutato di uscire in modo che potesse continuare a giocare al suo gioco in pace.

I genitori implorarono il giovane di sbloccare le portiere dell’auto, ma a quanto riferito il bambino li ignorò e continuò a giocare, lasciandoli senza altra scelta che chiamare i servizi di emergenza.

Durante il salvataggio, il ragazzo non ha perso tempo e ha continuato a giocare sullo smartphone
I pompieri sono arrivati ​​sulla scena e hanno dovuto irrompere in macchina per salvare il ragazzo, secondo i media locali.

Testimoni oculari hanno detto che il bambino è rimasto ignaro del rumore e delle operazioni di soccorso che stavano avvenendo fuori dai finestrini dell’auto.

Non è chiaro se il bambino abbia finito il suo gioco prima che i vigili del fuoco alla fine abbiano fatto irruzione nel veicolo. Una storia che fa riflettere sulla dipendenza da questo tipo di giochi che può insorgere nei più piccoli e che può diventare difficile da gestire se non vene calmierata per tempo.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.