Il superstite di Chernobyl: “Sentivo qualcosa nella testa, ma non so spiegarlo”

Questo superstite di Chernobyl, costretto a lavorare proprio accanto al reattore nucleare durante la pulizia, ha condiviso la sua storia sulla scia dell’acclamato programma televisivo con protagonista l’attore britannico Jared Harris.

Oleksandr Zahorodnyuk, che ha visto otto dei suoi 30 colleghi morire dal disastro di Chernobyl nell’aprile del 1986 vicino alla città di Pripyat nell’ex SSR ucraino, ha lavorato alla centrale elettrica come autista di camion.

Stava aiutando a costruire la centrale nucleare di Khmelnitskiy quando il governo ordinò ai lavoratori di altre centrali di contribuire al processo di bonifica di Chernobyl in seguito al disastro.


Alexander Zahorodnyuk, sopravvissuto a Chernobyl durante l’intervista mostra la sua documentazione
Insieme a 29 colleghi, Oleksandr arrivò a Chernobyl il 1 settembre 1986 e per i primi 30 giorni usò solo guanti e una maschera per proteggersi dalle radiazioni.

Afferma che lui e migliaia di altri lavoratori hanno trascorso gran parte della giornata lavorativa a soli 150 metri dal punto in cui il reattore è esploso.

Dopo il primo mese nello stabilimento, Oleksandr ha detto che ha iniziato a soffrire di problemi renali e alla fine ha deciso di vivere in Argentina – una mossa che dice “mi ha salvato la vita”.

Dalla sua casa a Merlo, nella capitale orientale dell’Argentina, Buenos Aires, ha detto ai media locali di aver dormito in una scuola abbandonata durante il periodo trascorso nel luogo del disastro ucraino.

Ha detto: “Non avevo paura, ma mi sentivo male. Non c’era odore nell’aria, la radiazione era nella polvere. ”

Durante le prime due settimane, ha guidato un veicolo blindato in giro ma stava lavorando “a 150 metri da quell’enorme buca” durante le seconde due settimane.

Ha detto: “Quando sono arrivato sentivo qualcosa nella mia testa, non so come spiegarlo. Sconforto. Una sensazione strana. ”

Oleksandr ha detto che ha sofferto di frequenti mal di testa e che gli sono stati diagnosticati problemi ai reni, aggiungendo: “Dei 30 che sono andati lì, otto non sono più con noi.

“Erano tutti più giovani di me. La verità è che sono morti tutti a causa di quel reattore. ”

A seguito di un accordo tra il governo argentino guidato da Carlos Menem e le autorità ucraine, Oleksandr si è trasferito in Sud America nel 1998 a causa del peggioramento della sua salute.

Ha detto: “Ho iniziato a stare meglio lì. Oggi non ho più mal di testa e mi sento bene. ”

Oleksandr ha aggiunto: “L’Argentina è un paese vergine con aria pulita e molte pianure aperte. Sono venuto qui per la natura.

“Vivere qui mi ha salvato.”

La serie storica acclamata dalla critica “Chernobyl” si è conclusa all’inizio di questo mese e ha drammatizzato gli eventi scioccanti dell’aprile 1986 e le sue conseguenze.

Presenta un cast stellare che include attori britannici Jared Harris, Paul Ritter ed Emily Watson.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.