Prete usa un metodo incredibile per benedire: ma ora rischia grosso

Questo è il momento in cui un prete cattolico benedice la sua congregazione con acqua santa usando una pompa per la fumigazione.

Le scene bizzarre sono state registrate da uno spettatore nella chiesa di San Pedro Apostol, situata nel comune di Sabanalarga nel dipartimento nord colombiano di Atlantico, in cui il sacerdote Juan Carlos Dunque ha benedetto la congregazione.


Nel video, dunque può essere visto benedire la folla con una pompa di fumigazione legata alla schiena con la quale spruzza i fedeli con l’acqua santa immagazzinata nel serbatoio.

La congregazione può essere vista applaudire e cantare mentre il prete li spruzza con la pompa di fumigazione.

Lo strano episodio, è avvenuto durante la messa pentecostale e ora l’arcivescovado di Santa Fe di Antioquia, secondo quanto riferito, ha rimproverato il prete per il suo comportamento perché stava usando oggetti non tradizionali.

Orlando Corrales, arcivescovo di Santa Fe di Antioquia, ha detto ai media locali che l’acqua santa dovrebbe essere distribuita con una pentola e un issopo (una piccola spazzola usata per spruzzare acqua). L’arcivescovo ha aggiunto che il prete si era scusato, ma ha detto che sarebbe stato convocato per un incontro con l’arcivescovado la settimana prossima. Ha aggiunto che il comportamento del prete non prevede una sanzione, ma ora comunque rischia grosso.

Tuttavia, il residente locale Alonso de Jesus Concha Rojo ha detto ai giornalisti: “Questo non è mai accaduto prima, ma è stata una cosa trascendentale per il comune perché la gente qui è molto religiosa e ha lasciato la cerimonia molto felice. L’acqua santa non era mai caduta su tutti, dal momento che in generale il prete va in giro e l’acqua tocca solo le prime persone”.

E Milvia Munera, un’altra fedele, ha detto: “Questo è un atto incredibile, la gente era felice, tutti erano curiosi, (l’acqua) prima non arrivava a tutti, quindi quando ha usato la pompa tutti sono stati benedetti con l’acqua santa”.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.