Maestra di sostegno spruzza spray urticante in classe: dieci bambini all’ospedale

Maestra di sostegno spruzza spray urticante in classe: dieci bambini all’ospedale

Grave episodio in una scuola di San Cesareo: una maestra di sostegno ha spruzzato spray urticante contro i suoi studenti nella scuola Galluzzi: dieci bambini di una quinta elementare sono stati medicati in ospedale.







E’ accaduto due giorni fa in un istituto scolastico di San Cesareo, Comune della provincia romana. Una insegnante di sostegno di 58 anni ha spruzzato in aria dello spray urticante in classe. Ancora da chiarire le motivazioni, si pensa per far calmare gli studenti. Ma le conseguenze sono state gravi: dieci di loro, di età compresa tra i 10 e gli 11 anni, si sono sentiti male ed stato necessario chiamare le ambulanze del 118 che li hanno trasportati all’ospedale di Palestrina, dove sono stati dimessi con prognosi dai 3 ai 5 giorni.

Per verificare l’accaduto, sul posto sono arrivati i carabinieri della compagnia di Palestrina. La maestra, visibilmente scossa, ha raccontato di non sapere cosa contenesse la bomboletta e di essere mortificata per l’accaduto.

Dopo che sono stati dimessi dal nosocomio dove erano stati trasportati gli alunni dell’Istituto Comprensivo di San Cesareo, i carabinieri della Compagnia di Palestrina hanno ascoltato l’insegnante di sostengo. Pare che l’insegnante abbia trovato la bomboletta spray in uno scatolone dove era conservati gli abiti e gli oggetti per festeggiare il carnevale. A causa delle istruzioni in tedesco, la 58enne on avrebbe capito la natura della bombolette e si sarebbe messa l’oggetto nella borsetta per poi utilizzarlo all’interno della quinta elementare dove stava svolgendo lezione.

L’insegnante è stata denunciata dai militari dell’Arma per “lesioni personali”, e “porto abusivo di oggetto atto ad offendere”.







Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.