Graduatorie 2017/2020: come aumentare il punteggio e come calcolare servizi e corsi

Concorso scuola 2018 abilitati: meccanismo per graduatorie e assunzioni

In vista delle graduatorie 2017/2020, molti docenti si chiedono come aumentare il punteggio, nel modo più efficace e soprattutto nei tempi più brevi. Secondo le linee guida del Miur, il docente ha la possibilità di aumentare il suo punteggio nel più breve tempo possibile con supplenze brevi o lunghe. Ma ci sono anche a disposizione master e corsi di formazione, che ovviamente sono però a pagamento e che non tutti possono permettersi. I dettagli sono inseriti nelle tabelle di valutazione del DM 308 del 15 maggio 2014.







Un decreto con cui il MIUR ha reso noti i criteri dei corsi che verranno accreditati. Ad esempio, un master universitario di I o II livello deve essere di 1500 ore e di 60 crediti.

Il master permette al docente che lo svolge di acquisire 3 punti. Appare evidente come l’aumento dei punti così ottenuti consenta di salire più facilmente in graduatoria. Non ci sono solo i master per ottenere punti bonus: tenete d’occhio anche le certificazioni informatiche con punteggio massimo di 4 punti, corsi di perfezionamento 1 punto e certificazioni linguistiche.

Nel DM 308 del 15 maggio 2014 del Ministero erano inserite le tabelle di valutazione titoli.

La Tabella A conteneva i titoli valutabili per la II fascia delle graduatorie di Istituto. La Tabella B i titoli valutabili per la III fascia delle graduatorie di Istituto.

In queste tabelle era specificato quanti punti valgono i servizi prestati nella scuola. Ebbene questi servizi possono valere al massimo 12 punti per anno di servizio, così calcolati:




16 giorni = 1 punto

da 16 a 45 = 2 punti

da 76 a 105 = 6 punti

da 106 a 135 = 8 punti

da 136 a 165 = 10 punti

da 166 = 12 punti

C’è un limite ai punti che si possono acquisire con i vari corsi. I docenti con i corsi di perfezionamento e le certificazioni possono ottenere un massimo 20 punti se iscritti nella II fascia di Istituto. Tre in meno, 17 punti, se si è iscritti nella III fascia.







Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.