Graduatorie Gps e supplenze, Scuola

Gps spezzoni 6 ore: per docenti in servizio nella scuola limite di 24 ore settimanali come ore aggiuntive oltre l’orario d’obbligo

A pochi giorni dall’inizio ufficiale dell’anno scolastico 2022/2023 procedono le assegnazioni delle supplenze Gps in pieno corso di svolgimento grazie all’avvio dell’algoritmo che inizia a conferire gli incarichi sulla base di graduatorie, disponibilità, preferenze espresse nelle domande e precedenze.

La circolare delle supplenze

Uno degli aspetti da definire, uno dei più delicati e controversi e anche più difficili da comprendere per i supplenti, riguarda l’assegnazione in molte scuole secondarie di primo e secondo grado degli spezzoni orari residui minori o uguali a 6 ore ancora da assegnare.

Si tratta di spezzoni ancora disponibili e non ancora assegnati. Sono spezzoni la cui assegnazione viene gestita direttamente dal dirigente scolastico, che per il loro conferimento deve seguire le indicazioni presenti nella circolare sulle supplenze 2022/2023.

Spezzoni inferiori o pari a 6 ore settimanali

La circolare delle supplenze che regolamenta l’assegnazione degli incarichi temporanei per il prossimo anno scolastico, sancisce che nella scuola secondaria di primo e di secondo grado, è compito del dirigente scolastico assegnare gli spezzoni residui, provvedendo al conferimento degli stessi in modo da garantire la copertura delle ore di insegnamento pari o inferiori a sei ore settimanali.

Si tratta di spezzoni che non concorrono a costituire cattedra. L’assegnazione, previo consenso dei docenti in servizio nella scuola medesima, viene stabilita in base alla specifica abilitazione per l’insegnamento necessaria.

L’ordine di assegnazione degli spezzoni

La priorità va data ai docenti con contratto a tempo determinato aventi titolo al completamento di orario. Se dovessero residuare ulteriori spezzoni, si passa all’assegnazione del personale con contratto ad orario completo. In questo caso si dà precedenza al personale con contratto a tempo indeterminato per poi passare a quello con contratto a tempo determinato. Non va mai superato il limite di 24 ore settimanali come ore aggiuntive oltre l’orario d’obbligo.

Cosa accade se non ci sono docenti a sufficienza all’interno della scuola per assegnare gli spezzoni? Per il dirigente l’unica alternativa è conferire l’incarico a nuovi supplenti ricorrendo alle graduatorie di istituto.