Graduatorie Gps e supplenze, Scuola

Spezzone Gps 2022 al 30 giugno: la possibilità di nomina dipende dalle preferenze e da come sono state inserite nella domanda in base ai posti disponibili nella provincia

L’algoritmo per le supplenze sta iniziando a svolgere il proprio compito e contestualmente cresce l’attesa da parte di coloro i quali hanno regolarmente presentato domanda entro i termini prestabiliti per conoscere l’esito dell’istanza e ottenere un incarico.

Rischio di penalizzazioni

I candidati che sperano in un’assegnazione delle supplenze al 30/06 e al 31/08 da GaE e GPS sono adesso nel limbo, con il dubbio di aver selezionato le giuste preferenze e di non rischiare penalizzazioni in caso di scelte sbagliate. Uno dei dubbi riguarda la possibilità di poter ottenere anche una supplenza al 30/06 pur avendo selezionato solo incarico annuale

Questo può verificarsi nel caso in cui il candidato ha espresso la preferenza spezzone e annuale, senza aver fleggato il termine delle attività.

Le scelte dei candidati

Ricordiamo che la domanda per l’assegnazione delle supplenze consentiva di selezionare una serie di preferenze relative alla sede, al tipo di contratto, all’insegnamento, al tipo di posto, al tipo di scuola e al tipo di cattedra. Ora sarà compito dell’algoritmo incrociare disponibilità, posizioni in graduatoria e preferenze espresse.

Chi ha selezionato come preferenza solo contratto annuale e spezzone, riceverà dall’algoritmo l’assegnazione di posti interi al 31/08 e spezzoni, in base alle preferenze espresse dal candidato. La supplenza essere assegnata anche su spezzone orario, dal momento che gli spezzoni sono al 30/06.

La messa a disposizione

L’algoritmo assegna supplenze al 31 agosto o al 30 giugno anche in base all’ordine in cui il docente ha inserito le preferenze. Le proposte di nomina al 30 giugno 2023 verranno assegnate sia in base alle preferenze espresse sia in base all’inserimento nella domanda a seconda dei posti disponibili nella provincia selezionata.

C’è adesso grande curiosità da parte dei diretti interessati per verificare il funzionamento dell’algoritmo. A livello di tempistiche ci si sta muovendo in tempo utile per assegnare gli incarichi al primo settembre, in modo da avere il quadro completo dei conferimenti in tempo utile per l’avvio del nuovo anno scolastico senza lasciare troppe cattedre scoperte. Poi sarà inevitabile il ricorso da parte de dirigenti scolastici alla messa a disposizione per riempire le caselle vacanti.