Graduatorie di Istituto

Aggiornamento Gae 2022: per 7mila docenti reinserimento e immissione in ruolo

A breve sarà possibile procedere all’aggiornamento delle Graduatorie ad esaurimento e delle Graduatori d’istituto. Si attende soltanto l’ufficialità da arte del ministero, ma la procedura non sembra essere in dubbio in alcun modo. Sarà necessario provvedere telematicamente all’invio delle domande, in base alle indicazioni date dal ministero tramite bozza del decreto. Il sito di riferimento è naturalmente Istanze Online.

Domande su Istanze Online dal 10 al 28 marzo

La finestra temporale predisposta va dal 10 al 28 marzo. Nonostante siamo alla vigilia della procedura, c’è ancora il dubbio che il ministero possa accogliere le proroga richiesta dal Cspi con un parere che però come sempre, non è vincolante.

“Come sindacato – dichiara Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – riteniamo innanzitutto importante che le GAE vengano aggiornate nel 2022, considerando che la scadenza era stata messa in dubbio anche da emendamenti al decreto Milleproroghe. In secondo luogo, occorre mettere anche nelle condizioni il personale interessato di presentare domanda in tempi consoni per potere produrre nuovi titoli e servizi svolti. Quello che ci preme anche rimarcare è grazie alle pressioni fatte da Anief, ben 7mila docenti, altrimenti esclusi, potranno chiedere il reinserimento e l’immissione in ruolo: un risultato – conclude Pacifico – che non era affatto scontato”.

In attesa dell’aggiornamento Gps

L’aggiornamento delle graduatorie a esaurimento del personale docente ed educativo e delle graduatorie di istituto di I fascia avranno validità per il triennio scolastico 2022/2023, 2023/2024 e 2024/2025. E’ possibile anche chiedere il reinserimento in graduatoria, la permanenza o lo scioglimento della riserva e il trasferimento da una provincia ad un’altra delle Graduatorie ad Esaurimento (GAE) di I, II, III e IV fascia per il triennio scolastico 2022-2025, oltre che per le corrispondenti graduatorie di istituto di I fascia correlate alle scadenze di aggiornamento delle GAE e, in considerazione del fatto che non sono intervenute modifiche normative, ripropone le disposizioni impartite in occasione dei precedenti aggiornamenti triennali delle graduatorie.

Ora si aspetta il via anche dell’aggiornamento delle Gps, tema sul quale si è molto dibattuto e per il quale alla fine si è giunto a un compromesso che dovrebbe consentire l’aggiornamento tramite nuovo regolamento da varare in tempi brevi.