Green Pass scuola: per i docenti trattamento diverso rispetto ai dipendenti pubblici
Scuola

Sciopero della fame contro il Green Pass scuola: “Obbligo anche per i parlamentari”

La gran parte dei docenti sono tutti vaccinati, così come gli appartenenti al personale ata. Questo sta consentendo un rientro tranquillo a scuola e una introduzione del Green Pass scuola, esteso a chiunque abbia accesso agli edifici scolastici, meno problematica del previsto. Merito anche della piattaforma digitale messa su a tempo di record dal Governo che sta permettendo controlli celeri e puntuali in grado di ridurre al minimo polemiche e ritardi nell’ingresso in aula e al verso il proprio posto di lavoro.

Lo sciopero della fame

Ma qualche caso isolato continua inevitabilmente a verificarsi, perchè c’è chi proprio non ne vuole sapere di vaccinarsi, ne di sottoporsi al tampone, perchè in generale ritiene illegittimo e incostituzionale il percorso intrapreso dal Governo che vuole obbligare, indirettamente, a una scelta che invece dovrebbe essere libera. Caso emblematico quello della maestra di Sulmona, in provincia dell’Aquila, pronta allo sciopero della fame. La maestra è in servizio presso una scuola dell’infanzia di Collarmele, e non ne vuole sapere di piegarsi all’obbligo di esibire il Green Pass per andare a scuola.

La lettera al ministro Bianchi

La maestra ha inviato una lettera al ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi: “Oggi mi è stato impedito di entrare – ha detto l’insegnante, Alba Silvani – resterò qui, metterò in atto uno sciopero della fame per chiedere il rispetto del diritto costituzionale al lavoro e contro ogni forma di discriminazione”. “Non c’è nessun bisogno di imporre il Green pass a una categoria, quella degli insegnanti, che ha raggiunto il traguardo del 92% di vaccinati e quindi ha superato l’obiettivo dell’immunità di gregge”.

Secondo la maestra, l’obbligo del Green Pass scuola è “discriminatorio perché il tampone imposto agli insegnanti ogni 48 ore, non solo è fortemente invasivo e insostenibile sul piano sia sanitario sia economico, ma rappresenta una discriminazione rispetto ad altre categorie, come i parlamentari e i lavoratori del Parlamento che possono entrare senza obbligo di Green pass: proprio i parlamentari che fanno le leggi valide per tutti gli altri cittadini! I parlamentari non debbono esibire nulla, mentre a noi si chiede la tessera verde per poter lavorare. È giusto questo?”.

L’Italia non è una Repubblica fondata sul Green Pass

Secondo la maestra l’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro (art.1 della Costituzione) e non sul Green pass. L’obbligo del Green pass è anche contro l’art.3 della Costituzione che, tra l’altro, vieta ogni discriminazione rispetto a condizioni personali e sociali”. “Io ho già chiesto scusa all’insegnante che doveva lavorare in classe con me per il disagio che potrò arrecare. Domattina tornerò qui – ha anticipato la maestra – poi andrò a Pescina (L’Aquila) dove c’è un complesso scolastico, non è il plesso di mia pertinenza, ma continuerò lì, fuori, la mia protesta”. Dopo la notizia della protesta della maestra e della minaccia dello sciopero della fame sono intervenuti i carabinieri per comprendere quale sia la situazione.

 

One thought on “Sciopero della fame contro il Green Pass scuola: “Obbligo anche per i parlamentari”

  1. GRANDE MAESTRA I COLLEGHI DEVONO PRENDERE ESEMPIO: BASTA stare zitti trattati come carne da macello ad eseguire ordini dittatoriali ed UMILIANTI con uno stipendio RIDICOLO ed OFFENSIVO.CORAGGIO TIFIAMO PER TE!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *