Nomine supplenze scuola: in arrivo 20mila incarichi per attività aggiuntive
Graduatorie di Istituto

Nomine supplenze scuola: in arrivo 20mila incarichi per attività aggiuntive

Il Governo tira dritto nella direzione della riduzione delle supplenze. Un obiettivo ancora molto lontano, se si considera che quest’anno, come ormai di consueto si assisterà a un numero altissimo di insegnanti reclutati per sostituzioni di breve, medio periodo. Ma il Ministro Bianchi è convinto che la strada intrapresa sia quella giusta e la direzione corretta, se si considera che mai come quest’anno la scuola italiana potrà disporre dei docenti in cattedra fin dal primo giorno di scuola.

Assegnazione supplenze, preoccupa Roma

L’assegnazione delle supplenze procede non senza qualche intoppo, ma i problemi legati all’algoritmo sembrano per larga parte superati. Forse non si riuscirà a completare le assegnazioni in tutte le province in tempo per il 13 settembre, ma quasi. Gli uffici scolastici hanno assegnato le cattedre al 31 agosto e 30 giugno attraverso una procedura informatizzata che ha pagato il rodaggio mancato di un algoritmo che si è rivelato difettoso. Ma alla fine il risultato è stato portato a casa.

Il Ministro è consapevole dei problemi emersi, ma è convinto che si tratti di una percentuale minima rispetto al totale, e comunque il ministero e tutti gli organismi preposti sono al lavoro per sistemare il tutto: “Stiamo verificando tutti i possibili errori, le immissioni di dati sbagliate. Assicuro, però, che sono numeri limitati e non inficiano i risultati complessivi”. Preoccupa ad esempio la situazione di Roma, dove non ci sono ancora notizie da parte dell’Amministrazione.

20mila incarichi per attività aggiuntive

L’assegnazione delle supplenze, in ogni caso, non esaurisce il fabbisogno di cattedre scoperte, atavico problema della scuola italiana. Senza considerare le esigenze che sorgeranno in corso d’opera, per malattie, permessi, maternità e altre singole esigenze degli insegnanti, anche legate al Covid. Ci saranno sicuramente altre supplenze da attribuire, ma resta da capire se si tratterà di supplenze al 31 agosto e 30 giugno da attribuire ancora con l’algoritmo, oppure di supplenze temporanee. Tra le supplenze temporanee, da conferire al momento fino al 30 dicembre, ci sono quelle che vengono chiamate “supplenze Covid” che il Ministro Bianchi chiama “docenti del potenziamento per le attività integrative e aggiuntive.”

Si tratta di supplenze conferite da graduatorie di istituto (le venti scuole scelte in fase di compilazione della domanda entro il 6 agosto 2020). Sono supplenze che scadono il 30 dicembre. “Proveremo a portare il loro servizio fino a giugno”, assicura Bianchi. Si tratterebbe di 20mila incarichi per attività aggiuntive fino a fine anno solare. E in questo senso c’è già un emendamento dell’On. Casa (M5S) già approvato dal Governo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *