Dà fuoco alla moglie davanti a figli: muore dopo mesi di agonia

Quest’uomo che ha cosparso di alcol sua moglie e le ha dato fuoco davanti ai loro quattro figli. E’ stato accusato di femminicidio dopo che la moglie ha subito ustioni del 70% ed è morta tra atroci sofferenze mesi dopo.

Secondo quanto riferito, la vittima 38enne, identificata con il nome di Vanesa Evangelina Caro, è stata aggredita dal marito Leonardo Victor Zeniquel, 34 anni, dopo un litigio nella loro casa nella città di Ingeniero Budge, nella provincia argentina orientale di Buenos Aires.

I media locali hanno riferito che l’incidente è avvenuto di fronte ai quattro figli piccoli della coppia, i quali hanno riferito alla polizia che il padre ha gettato alcol sulla mamma e le ha data fuoco.

Carolina, la sorella della vittima, ha dichiarato: “I bambini ci hanno raccontato di come il padre ha dato fuoco alla mamma. Dissero che stavano litigando in quel momento. Il bambino di 10 anni ha detto che il loro papà è diventato pazzo. ”

La sorella ha raccontato che quando arrivò a casa, il marito era seduto accanto alla vittima gravemente bruciata e le diceva che stava bene.

Zenique fu arrestato mentre la moglie ferita fu portata in ospedale con il 70 percento di ustioni alla testa e al corpo.

Secondo quanto riferito, la coppia era separata al momento dei fatti.

L’aggressione è avvenuta a marzo di quest’anno, ma la vittima è deceduta questa settimana per complicazioni dovute alle sue ferite.

Dopo diversi mesi in ospedale, è stata trasferita a casa di sua madre per continuare le cure.

Sua sorella ha detto: “Vanessa stava a casa di mia mamma. Si stavano prendendo cura di lei a causa dei problemi respiratori che stava vivendo a causa di quel mostro.

“Quel giorno verso mezzogiorno, la sua tracheotomia si chiuse e fu portata d’urgenza all’ospedale Posadas. Mezz’ora dopo l’arrivo, i medici ci hanno detto che era morta. ”

Il sospetto, che ha precedenti di violenza nei confronti di sua moglie, ora è stato accusato di femminicidio. L’indagine continua.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.