Attacchi le calamite sul frigo? Ora di sicuro non lo farai più

Woman looking in open fridge with Mama letters on door. Cooking for family and children concept

L’abbiamo imparato dai telefilm americani, dove disegni dei bambini e messaggi privati sono attaccati al frigorifero con le calamite. Diciamo la verità: un frigorifero colorato e arricchito da questi oggetti, ricordi di vacanze e di posti dove siamo stati, è più bello e piace anche ai bambini.

Se è accertato che sia una bufala il fatto che secondo una fantomatica (e mai realizzata) ricerca presso l’Università di Princeton, le calamite farebbero venire il cancro a causa dei campi elettromagnetici che generano e con cui l’uomo è in costante contatto, è altrettanto vero che potrebbero causare altri tipi di danni.

Danni non direttamente alle persone, o meglio non alla loro salute, ma al loro portafogli. Perchè le calamite potrebbero comunque danneggiare il frigorifero.

Essendo un dispositivo elettrico alimentato a corrente, il nostro frigorifero possa rovinarsi con l’andare del tempo a causa delle calamite e del campo magnetico che creano. Questo vale meno per i frigo con qualche anno in più, per i quali è più pericoloso un calo di corrente.

È certamente più vero per i frigoriferi di nuova generazione, quelli dotati di touch screen e altamente tecnologici. In questo caso meglio non usare le calamite, perchè i campi magnetostatici che generano (sono costanti nel tempo e innocui per la salute dell’uomo) potrebbero influire negativamente sulla porta del frigo. Nessun pericolo invece per i cibi contenuti in esso o le componenti elettroniche interne non sarebbero affatto coinvolte in questo tipo di discorso.

Tracciando un bilancio: nessun rischio per la salute, pochi rischi per il funzionamento dei frigoriferi di vecchia generazione, qualche rischio in più per quelli più tecnologici. La conclusione è che è meglio evitare: meglio una bella lavagnetta magnetica da attaccare al muro, dove mettere tutte le calamite che vogliamo senza correre alcun rischio.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.