Carenza di supplenti soprattutto al Nord: elenco zone con più richieste

Paradosso tutto italiano: carenza di supplenti, soprattutto al nord, ma lungaggini estreme nel garantire contratti a tempo indeterminato ai docenti. E allora non sottovalutate l’opportunità fornita dalla messa a disposizione. L’allarme lo lancia il quotidiano “Il Messaggero” con un articolo a firma Lorena Loiacono, che spiega:

Scuole che cercano insegnanti 2017: elenco aggiornato







“Nelle scuole è caccia al supplente. I docenti non si trovano e a scalare le graduatorie ora sono i neolaureati, freschi di studio ma senza esperienza né abilitazione: centinaia di migliaia di giovani in cerca di cattedre per incarichi a tempo determinato. È lo strano caso della scuola italiana dove vengono a mancare anche i supplenti: le graduatorie ad esaurimento infatti sono state svuotate, prima dalle assunzioni degli ultimi due anni e poi dagli incarichi annuali estivi, e così ora mancano all’appello…”.

Cercasi supplenti 2017/18: elenco scuole che cercano docenti con urgenza

La conseguenza è che i dirigenti scolastici ricorrono a docenti anche privi di abilitazione, e neolaureati.

Necessità soprattutto le aree della Lombardia, Veneto, Toscana, Emilia-Romagna, Piemonte, ad avere necessità di supplenti: dai docenti di sostegno, alla matematica per le medie, ai docenti di lingue con Inglese in testa.

Messa a disposizione, questo il momento ideale per candidarsi alle supplenze: ecco dove e come

Il modo migliore per candidarsi è quello della messa a disposizione, un’istanza informale, legalmente riconosciuta e prevista dal MIUR, attraverso la quale ogni aspirante docente può candidarsi come supplente.

Basta essere in possesso dei requisiti minimi per l’insegnamento. Ciò significa che può farvi ricorso chiunque sia in possesso di una Laurea o di un Diploma che dia accesso a una classe di concorso, può utilizzare lo strumento della Messa a disposizione anche se si è già iscritti nelle graduatorie d’istituti di II e III Fascia.

Messa a disposizione 2017/2018: elenco scuole che cercano supplenti

E’ bene però ricordare che la domanda di Messa a Disposizione non è rivolta esclusivamente agli insegnanti; è infatti un’istanza che i Dirigenti Scolastici possono prenderla in considerazione per la nomina di Docenti, Docenti di sostegno, Assistenti Tecnici, Assistenti Amministrativi, Collaboratori scolastici ed altri ruoli, destinati a coprire incarichi di supplenza per posti vacanti

Grazie alla Messa a Disposizione gli aspiranti docenti e a tutti coloro che ambiscono a lavorare all’interno della scuola possono inviare la propria candidatura ai Dirigenti Scolastici degli istituti di una o più province inviando la propria candidatura anche a centinaia di istituti in tutta Italia.

Messa a disposizione sostegno

Inviare la Messa a Disposizione è consigliabile perché le scuole sono sempre alla ricerca di supplenti; né le graduatorie di istituto per i docenti né quelle per il personale ATA, infatti, sono sempre sufficienti a coprire tutte le necessità e tutti gli imprevisti che possono accadere all’interno della scuola. allora il Dirigente Scolastico si appellerà a tutte le candidature spontanee giunte alla scuola con la messa a disposizione.

Messa a disposizione: sai come fare domanda fuori graduatoria?

Istanze on line: compilazione modello d3. Come scegliere le scuole

Messa a disposizione: come aumentare le possibilità di lavorare a scuola







Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.