Concorso 2018 scuola 24 CFU: esami lauree vecchio ordinamento varranno 6 CFU

Il concorso scuola 2018 si avvicina e con esso il nuovo corso di reclutamento insegnanti che prevede un concorso a cattedra con cadenza biennale e un percorso di formazione Fit specifico per i docenti.

Mancano docenti di ruolo: ecco le regioni più colpite







Con l’avvicinarsi del prossimo concorso scuola, di cui dovremmo saperne di più tra fine anno (ci siamo quindi) e l’inizio del prossimo, cresce la curiosità attorno al tema relativo ai CFU. Nello specifico, in molti si stanno domandando cosa accadrà in merito alla valutazione, in termini di CFU, degli esami annuali o semestrali delle lauree Vecchio ordinamento ai fini del raggiungimento dei 24 CFU in discipline antropo – psico – pedagogiche ed in metodologie e tecnologie didattiche per accedere al concorso 2018 per non abilitati.

FIT, ecco gli stipendi dei docenti durante la formazione

Il Miur in un recente incontro ha parlato della possibilità che che un esame del vecchio ordinamento possa valere 6 CFU.

Non solo: pare si vada verso la scelta di proporre una valutazione di equipollenza tra i vecchi esami sostenuti e quelli da sostenere per raggiungere i 24 CFU caratterizzata da una linea generale con posizioni di equilibrio. In soldoni, vuol dire che si punta ad adottare una linea di massima elasticità.

Quali sono le regioni che cercano docenti? Ecco i dati del Miur

Si tratta comunque di temi troppo importanti per restare sul ‘si dice’, e quindi la sensazione è che a breve su questo argomento il Ministero possa emanare al più presto delle Linee Guida più specifiche.

Concorso 2018: 24 CFU ‘l’ennesima presa in giro’

Allegato A decreto 24 cfu: scarica il testo

Nuovo Concorso insegnanti entro fine 2017: ci sono 4600 posti disponibili







Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.