Mobilità 2017 e chiamata diretta: ritardi presentazione domande trasferimenti e passaggi di ruolo

Mobilità scuola 2017/2018: no discrezionalità dirigenti, centralità collegio, oggettività requisiti

Il silenzio sul Tfa Terzo Ciclo consolida i sospetti di quanti temono possa rivelarsi un nulla di fatto in attesa del nuovo concorsone previsto per il prossimo anno. Da non sottovalutare anche il ritardo del concorso per dirigenti scolastici che a questo punto non è più possibile bandire in tempo utile per consentire ai vincitori di entrare in ruolo per l’inizio del prossimo anno. Ciò significa di fatto un nuovo anno scolastico con duemila istituti senza reggenza, con i disservizi che ne derivano inevitabilmente.







La ministra Valeria Fedeli sta provando a spingere nei confronti del Mef affinchè venga estesa il più possibile la platea di coloro i quali passeranno agli organici di diritto. Ma i fondi dello Stato sono limitati. I 25mila posti chiesti dal ministro rischiano di limitarsi a soli 10mila.

Il quadro della situazione è completato dalle incertezze riguardanti la mobilità, con le difficoltà a trovare un’intesa da parte di Miur e sindacati. Non c’è al momento sintonia sulla chiamata diretta e questo si ripercuoterà inevitabilmente sui ritardi per la presentazione delle domande relative ai trasferimenti e ai passaggi di ruolo.







Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.