Abilitazione insegnamento in Spagna: come funziona, chiarimenti dal Miur

Ecco la riforma della scuola del Movimento 5 Stelle: aumento stipendi e lotta al precariato

In quest’ultimo periodo si è parlato molto di abilitazione all’insegnamento. Molti aspiranti docenti sono in attesa della pubblicazione del bando relativo al tfa terzo ciclo.

Ricordiamo che come indicato dal Ministero dell’Istruzione, quest’ultimo tirocinio formativo attivo sarà riservato solo ad alcune classi di concorso, cioè a quelle esaurite.

In attesa dell’applicazione della riforma sulla formazione dei docenti c’è chi si informa per abilitarsi fuori l’Italia.




Le possibilità ci sono e proprio di recente il Miur ha pubblicato una circolare in merito al riconoscimento della professione docente.

In questo avviso prot. n. 2971 il Ministero dell’Istruzione riferisce che l’abilitazione all’insegnamento conseguita in Spagna è valida ma solo per quelle istanze contenenti determinati requisiti.

Vediamo ora nel dettaglio cosa riferisce la nota.

I candidati docenti che hanno conseguito l’abilitazione in Spagna possono presentare istanza di riconoscimento al Miur. Verranno prese in considerazioni però solo ed esclusivamente le istanze complete di un documento che attesti la partecipazione al concorso pubblico spagnolo (“sistema selectivo de acceso a la función pública) e il superamento di almeno una parte dello stesso.

Il Ministerio de Educación, Cultura y Deporte spagnolo ha infatti chiarito che i docenti che vogliono esercitare la professione docente nelle scuole pubbliche spagnole dovranno avere uno di questi tre requisiti indicati qui di seguito:




– Aver superato il concorso pubblico (“sistema selectivo de acceso a la función pública”) diventando docenti di ruolo a tempo indeterminato;

– Aver partecipato al concorso pubblico (“sistema selectivo de acceso a la función pública”) senza superarlo nella sua totalità, diventando docenti supplenti a tempo determinato;

– Essere iscritti nelle graduatorie straordinarie di professori selezionati dalle Comunidades Autónomas, diventando docenti supplenti a tempo determinato.

Il Ministero dell’Istruzione spagnola riferisce che i candidati che non rientrano in una delle tre categorie sopra indicate, non potranno esercitare la professione di docente all’interno delle scuole spagnole.

A questo punto alcuni penserebbero e ma tanto voglio lavorare in Italia non mi interessa la cattedra in Spagna. Bene, non funziona così.

Il candidato interessato al riconoscimento della professione docente da parte del Miur potrà averlo solo se certificherà di essere abilitato all’insegnamento nelle scuole pubbliche spagnole. Il candidato dovrà quindi rientrare nelle tre categorie precedentemente indicate.




Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.