Graduatorie Gps e supplenze, Scuola

Come funziona l’algoritmo supplenze Gps: viene seguito l’ordine delle classi di concorso o tipologia di posto indicato e delle preferenze espresse

E’ riuscito il ministero a migliorare l’algoritmo supplenze rispetto all’anno scorso, quando gli strascichi di imprecisioni e incongruenze si sono trascinate per mesi, con polemiche e ricorsi da parte di chi si è visto superare nell’assegnazione dell’incarico da chi era indietro in graduatoria?

Sovrapposizione delle procedure

Lo scopriremo nelle prossime settimane, perchè anche quest’anno l’algoritmo delle supplenze, con la procedura informatizzata telematica ormai completamente automatizzata, provvederà ad assegnare gli incarichi di supplenza annuale (31 agosto) o sino al termine delle attività didattiche (30 giugno). Gli incarichi vengono assegnati dalle GaE e dalle GPS aggiornate per il biennio 2022/23 e 2023/24.

In tutto ciò i candidati sono ancora in attesa della pubblicazione di tutte le GPS da parte degli Uffici Scolastici che stanno provvedendo a completare le procedure. Nel frattempo però l’elenco degli esclusi si allunga. A pochi giorni dall’avvio della procedura delle supplenze, la possibilità che le operazioni si sovrappongano è inevitabile.

Come funziona l’algoritmo delle supplenze

Le supplenze che verranno vengono conferite da GaE e GPS sono quelle annuali al 31 agosto e quelle temporanee al 30 giugno. Le supplenze al 31 agosto e 30 giugno 2023 verranno attribuite dalle GaE. In subordine dalle GPS di prima e seconda fascia. L’algoritmo delle supplenze tiene conto delle disponibilità che si determinino fino al termine del 31 dicembre.

La scelta delle 150 preferenze

Gli Uffici Scolastici mediante procedura automatizzata, assegnano gli aspiranti alle singole istituzioni scolastiche sulla base della posizione occupata in graduatoria. Viene seguito l’ordine delle classi di concorso o tipologia di posto indicato e delle preferenze espresse.

I candidati dovranno indicare fino a 150 preferenze tra preferenza sintetica (comuni e distretti) e preferenza analitica (scuole), tra tutte le sedi di organico relative a ciascun grado di istruzione richiesto.

Chi non presenta domanda in automatico rinuncia all’attribuzione delle supplenze al 30/06 e al 31/08 da tutte le graduatorie cui ha titolo, per l’anno scolastico di riferimento.