Graduatorie di Istituto

GPS supplenze: in vista dell’aggiornamento quali titoli servono?

Arrivano sempre più segnali che lasciano pensare che alla fine le GPS graduatorie provinciali e di istituto per le supplenze verranno riaperte e aggiornate nel 2022, come da programma. L’intenzione del Governo di rimandare tutto al 2023 si è scontrata con le proteste di forze politiche e sindacali, di cui sarà difficile non tenere conto. La conferma del regolamento attuale, dovrebbe consentire a breve di poter compilare le domande per gli aggiornamenti e per i nuovi inserimenti.

La strada sembra essere quella di prorogare per un anno le disposizioni attuali su riapertura e aggiornamento, rinviando parte del nuovo Regolamento al 2023/24. Diventerà invece strutturale l’attribuzione attraverso specifica richiesta delle supplenze al 31 agosto e 30 giugno.

Titoli di accesso per la scuola secondaria di I e II grado

Hanno diritto a rientrare nelle GPS

a) in prima fascia i docenti in possesso di relativa abilitazione

b) in seconda fascia

laurea + 24 CFU in discipline psicopedagogiche e metodologie didattiche di cui al DM 616/2017
abilitazione specifica su altra classe di concorso o per altro grado (titolo previsto dal dm 59/2017).
precedente inserimento nella terza fascia di istituto per il triennio 2017/20 per la specifica classe di concorso (quindi senza i 24 CFU).

Si tratta di condizioni relative alla normativa 2020. E’ bene tenere presente che la laurea deve essere comprensiva degli eventuali CFU/CFA o esami o titoli aggiuntivi richiesti dal DPR 19/2016 e DM 259/2017 per l’accesso alla classe di concorso richiesta.

Sono richiesti i titoli entro il termine di presentazione della domanda. Vale anche per i 24 CFU e/o eventuali CFU per completare il piano di studi.

Niente obbligo 24 Cfu per i laureati già inseriti nel 2017, al contrario dei laureati al primo inserimento sì, anche se non danno punteggio. La laurea triennale non basta per avere diritto ad accedere in graduatoria.

ITP

precedente inserimento nelle graduatorie di istituto valide per il triennio 2017/20 per la specifica classe di concorso (bisognerà vedere come verrà declinato per il 2022)
diploma che permette l’accesso a classi di concorso della tabella B del DPR 19/2016 e dm 259/2017 + 24 CFU in discipline psicopedagogiche e metodologie didattiche di cui al dm 616/2017
abilitazione per altra classe di concorso o altro grado di istruzione (titolo previsto dal dm 59/2017)

Sostegno

a) in prima fascia i docenti in possesso del relativo titolo di specializzazione

b) in seconda fascia i docenti privi del relativo titolo di specializzazione ma che abbiano tre anni di servizio su posto di sostegno del relativo grado entro l’anno scolastico 2019/20 e che siano in possesso di abilitazione o titolo di studio previsto per l’accesso alle graduatorie provinciali.

Titoli di accesso Infanzia e primaria

a) in prima fascia i docenti in possesso di abilitazione

b) in seconda fascia studenti che, nell’anno accademico 2019/2020, risultano iscritti al terzo, quarto o al quinto anno del corso di laurea in Scienze della Formazione primaria, avendo assolto, rispettivamente, almeno 150, 200 e 250 CFU entro il termine di presentazione dell’istanza.

Scompare la seconda fascia.

Titoli abilitazione prima fascia infanzia e primaria

Laurea in Scienze della formazione primaria (vecchio ordinamento quadriennale o LM85bis Nuovo ordinamento)
titolo di studio conseguito entro l’anno scolastico 2001-2002, al termine dei corsi triennali e quinquennali sperimentali della scuola magistrale, ovvero dei corsi quadriennali o quinquennali sperimentali dell’istituto magistrale, iniziati entro l’anno scolastico 1997-1998 aventi valore di abilitazione ivi incluso il titolo di diploma di sperimentazione ad indirizzo linguistico di cui alla Circolare Ministeriale 11 febbraio 1991, n. 27
titolo di abilitazione all’insegnamento per la scuola dell’infanzia e primaria conseguito all’estero, valido quale abilitazione nel Paese di origine e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente.

Sì al diploma magistrale, ma solo se conseguito entro l’anno scolastico 2001/02.