Diplomati magistrale

Diplomati magistrale: ecco chi rischia l’espulsione dalle GaE e chi è salvo

Inizia a essere più delineata la delicata questione relativa ai diplomati magistrali, in seguito alle comunicazioni di alcuni importanti cifre da parte del Ministero che fanno seguito alla discussa sentenza del Consiglio di Stato. Intanto il Miur ha riferito che il parere dell’avvocatura dello Stato appunto sulla sentenza del Consiglio di Stato arriverà in primavera. Sarà uno spartiacque importante dal momento che chiarirà l’interpretazione autentica che determinerà le decisioni del Ministero stesso in futuro per affrontare la questione.

Ma parlavamo appunto di numeri della vicenda. Il Ministero ha comunicato che i docenti assunti a tempo indeterminato che hanno un contratto con clausola risolutiva sono 6.669. Sono insegnanti che sono ora a rischio revoca del contratto e ruolo con “retrocessione” nelle graduatorie d’istituto.

E’ la Lombardia la regione con il più alto numero di docenti (39%). Altro numero importante quello che riguarda gli iscritti in Gae con riserva. Sono i docenti che sono entrati in GaE a seguito di sentenza cautelare e in tutto sono 43.534 persone confidenti nel parere favorevole dell’avvocatura dello Stato e nella sentenza individuale di merito. Il loro timore è quello di restare fuori dalle GaE ed essere inseriti solo nelle Graduatorie d’Istituto.

Altro capitolo quello riguardante gli iscritti in Gae a pieno titolo. Si tratta di 26.252 docenti inseriti negli anni a seguito del conseguimento dell’idoneità tramite concorso o corso riservato. Questi docenti non rischiano l’espulsione dalle GaE.

Invece le supplenze che riguardano i docenti inseriti in GAE con riserva sono 23.356. Si tratta di incarichi al 30/6 o 31/8 e 20.110 supplenze brevi. La promessa è d non toccarle, lasciando l’incarico a chi lo ha già avuto almeno fino a fine 2018.