Scuola

Concorso ordinario scuola secondaria: nuove graduatorie e assunzioni nel 2022

Manca una settimana all’avvio del concorso ordinario infanzia e primaria, di fatto l’unico sbloccato dal Governo tra quelli rimasti in sospeso e già banditi, per i quali le procedure di iscrizione sono già completate e non saranno riaperti.

Cambia il bando

L’obiettivo del Governo è portare a termine le procedure principali entro l’estate 2022, in considerazione del fatto che molte classi di concorso in alcune regioni sono esaurite. Urge quindi rinnovare le graduatorie pronte, in modo da procedere con le assunzioni in vista dell’anno scolastico 2022-2023. Il tutto mentre sullo sfondo procedono i lavori per la riforma del reclutamento docenti, che dovrebbe costituire il passo d’addio al modo di intendere i concorsi come oggi li conosciamo.

Bandito il concorso ordinario infanzia e primaria, tute le attenzioni sono concentrate ora sul concorso ordinario secondaria I e II grado. Anche in questo caso si tratta di un concorso già bandito nel 2020, con domande presentate e procedura preliminare già completata, che non sarà riaperta come nel caso del concorso ordinario infanzia e primaria.

Attesa di un anno e mezzo

Anche per questo concorso le promesse erano state di bandirlo entro il 2021, ma appare ormai evidente come si tratti di un’eventualità irrealizzabile. Gli sforzi, e soprattutto le speranza dei candidati che attendono ormai da oltre un anno e mezzo, sono tutte concentrate sui primi mesi del 2022. Il concorso potrebbe partire a gennaio 2022, subito dopo la conclusione dell’ordinario infanzia e primaria e la pausa natalizia.

La procedura, modificata dal Decreto Sostegni bis rispetto al bando originario, prevede

  • unica prova scritta con più quesiti a risposta multipla, volti all’accertamento delle conoscenze e competenze del candidato sulla disciplina della classe di concorso o tipologia di posto per la quale partecipa, nonché sull’informatica e sulla lingua inglese.
  • prova orale;
  • valutazione dei titoli;
  • formazione della graduatoria sulla base delle valutazioni di cui alle lettere a) b) e c), nel limite dei posti messi a concorso;

Come detto in virtù delle modifiche apportate, non ci potrà essere concorso se prima non si procederà alla modifica del bando e alla sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Dopodichè si potrà passare alla pubblicazione del Calendario delle prove.