Scuola

Concorso ordinario scuola primaria: la dimenticanza che può costare la partecipazione

Mancano meno di due settimane all’avvio del concorso ordinario infanzia e primaria, bandito, o meglio ri-bandito pochi giorni fa. Le prove scritte si svolgeranno tra il 13 e il 21 dicembre. L’ultima fase della procedura burocratica inserente il concorso riguarda proprio la pubblicazione da parte degli USR delle sedi d’esame stabilite per i candidati delle rispettive regioni.

Gli adempimenti indispensabili

Uno degli adempimenti indispensabili per poter essere accettati il giorno della prova è quella di aver versato in fase di presentazione della domanda un pagamento di 10 euro per ciascuna procedura. Per provare di aver effettuato questo versamento, il giorno della prova il candidato dovrà portare con se la ricevuta del versamento.

Questa le indicazioni date finora dal ministero per concorsi simili a quello ordinario per l’infanzia e primaria. Non è stata rinnovata questa indicazione, per cui si ritiene resti valida questa: “Si ricorda, inoltre, che i bandi di concorso hanno previsto il versamento di un diritto di segreteria.

In mancanza della ricevuta di versamento, o in caso di mancata indicazione della causale di pagamento nella ricevuta, il candidato dovrà regolarizzare la propria posizione nei giorni immediatamente successivi alla prova scritta presso l’Ufficio Scolastico Regionale.

Ove sia accertato che il candidato abbia effettuato il pagamento dei diritti di segreteria solamente per alcune, e non per tutte, le procedure per le quali ha chiesto di partecipare, il candidato sosterrà la prova con riserva di effettuare il pagamento nei giorni immediatamente successivi e di regolarizzare la propria posizione presso l’Ufficio Scolastico Regionale.

Codesti Uffici sono tenuti ad invitare, formalmente, il candidato a regolarizzare la propria posizione entro un congruo termine, a pena di esclusione, dalla procedura/e.”

Cosa portare alla prova scritta

Ancora più dettagliate le indicazioni dell’USR Veneto ha fornito specifiche indicazioni: “I candidati che ancora non avessero provveduto a tale pagamento sono tenuti a farlo con ogni urgenza e comunque prima dello svolgimento delle prove scritte il cui calendario è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 93 del 23 novembre 2021, nonché nel sito internet del MI e di questo USR.

I candidati avranno cura, il giorno della prova scritta, di esibire la ricevuta di versamento al personale addetto. In caso di mancanza della ricevuta verranno ammessi “con riserva” e dovranno regolarizzare la propria posizione nei giorni immediatamente successivi alla prova scritta inviando la ricevuta del versamento all’Ufficio di Ambito Territoriale competente per la specifica procedura concorsuale”

Oltre alla ricevuta del pagamento, bisogna portare con sè, il giorno della prova un documento di riconoscimento in corso di validità, codice fiscale, green pass.