Graduatorie di Istituto

Aggiornamento graduatorie docenti 2022: i tre dubbi che accompagnano Gps e Gae

Con il 2021 in dirittura di arrivo e il 2022 che sta per affacciarsi, il pensiero dei docenti inizia a rivolgersi all’aggiornamento delle Graduatorie Provinciali per le Supplenze (Gps). Una procedura che non è ancora stata fissata a livello temporale, ma che come di consueto dovrebbe svolgersi in primavera. Un appuntamento importante per i docenti, considerato che servirà ad aggiornare il proprio punteggio. Ma sarà anche l’occasione, per chi è fuori dalle graduatorie, di accedere con il proprio punteggio. L’anno prossimo sarà l’occasione anche dell’aggiornamento delle Gae.

Tabella di valutazione dei titoli

Il tutto è ancora avvolto dall’incertezza, perchè le linee guida che caratterizzeranno questa procedura devono ancora essere ben delineate. E’ probabile in questo senso che venga confermata la tabella di valutazione dei titoli che è stata già utilizzata in occasione dell’ultimo inserimento nelle Gps e nelle graduatorie d’istituto.

Per scalare posizioni in graduatoria, sarà necessario migliorare il proprio punteggio. Per farlo, si può ricorrere a un attestato o ad altri titoli. I punteggi sono indicati belle tabelle di riferimento. Al momento il valore dei 24 Cfu resta invariato, nonostante il ministro Bianchi ha più volte sottolineato la poca stima che ha nei confronti di questo meccanismo di ottenimento di crediti, spiegando che non si tratta di un modello che rappresenterà il modo di diventare insegnante in futuro. Per l’immediato futuro, però, decisioni ancora non ne sono state prese.

Informatizzazione nomine e algoritmo

Quel che sembra certo è che aggiornamento e nuovi inserimenti in Gps saranno sempre gestiti attraverso l’informatizzazione del meccanismo, che fa riferimento, come per le nomine supplenze, a Istanze Online, cui si accede tramite Spid.

Da rivedere sicuramente l’algoritmo utilizzato: nonostante da parte del ministero sia arrivata ampia rassicurazione del perfetto funzionamento dello stesso, non sono pochi i dubbi sulla sua efficacia.

Cambio provincia

L’aggiornamento delle graduatorie provinciali per le supplenze servirà anche, per chi in questo biennio è iscritto nelle Gps di una determinata provincia, per aggiornare il punteggio nel 2022 e anche per cambiare provincia.

I docenti precari inseriti anche nelle Gae, potranno lasciare inalterata la provincia per entrambe o scegliere di essere iscritti in una provincia per una graduatoria e in un’altra provincia per l’altra.