Precari scuola: doppio canale di reclutamento anche da Gps prima e seconda fascia
Graduatorie di Istituto

Precari scuola: doppio canale di reclutamento anche da Gps prima e seconda fascia

Doppio canale di reclutamento del personale docente ed educativo con carattere non transitorio, ma regolamentare. La lotta al precariato non può prescindere da una soluzione di questo tipo, e ministero e parti sociali hanno già avviato un dialogo che coinvolge anche le forze politiche della maggioranza e dell’opposizione.

I concorsi ordinari non convincono più

Inutile negare che la strada dei concorsi ordinari non convince più fino in fondo. Se è vero che da essi non si può prescindere, almeno nel breve periodo, è altrettanto ver che in ottica futura va affiancato uno strumento più efficace, rapido e mirato per consentire l’immissione in ruolo di tutti coloro i quali aspettano la stabilizzazione da ormai troppo tempo.

In questo senso diventa fondamentale il ricorso alle Graduatorie Provinciali Supplenze in modo continuativo e non straordinario. Al momento si ricorre unicamente alla prima fascia GPS, cosa che limita il reperimento già per il prossimo anno scolastico di tutto il personale necessario alla copertura dei posti effettivamente vacanti e disponibili.

Limiti di accesso al ruolo dalle Gps

I docenti che hanno stipulato almeno 3 contratti a tempo determinato, dunque in possesso dei tre anni di servizio richiesti, sono collocati anche nella seconda fascia delle stesse GPS, cosa che contraddice le indicazioni europee.

Il persistere di limiti per l’accesso al ruolo dalle Gps, diventa ostacolo da rimuovere, considerato che costituiscono impedimento all’effettiva copertura del maggior numero posti vacanti e disponibili sin dal prossimo anno scolastico. Tornando ai concorsi, secondo i sindacati diventa necessario rimuovere la limitazione della possibilità di partecipare al concorso successivo, in caso di mancato superamento di una procedura concorsuale precedente.

I dubbi sull’algoritmo supplenze

L’uso dell’algoritmo che ha gestito la procedura informatizzata di nomine e reclutamento docenti tramite il sito Polis Istanze Online ha mostrato alcuni limiti Per questo, Anief chiede l’apertura di un tavolo tecnico specifico di confronto con i sindacati volto proprio all’ottimizzazione e alla modifica della piattaforma ministeriale che gestirà le prossime procedure di reclutamento.

Anief chiede di prevedere procedure concorsuali ordinarie biennali con l’accesso di tutti gli idonei nelle graduatorie di merito, e procedure riservate annuali per titoli ed esami con l’accesso nelle graduatorie finale di tutti i candidati con tre anni di servizio prestato nel sistema nazionale di istruzione, ivi compresi gli insegnanti di religione e il personale educativo.

Doppio canale di reclutamento

Tutto ciò non può prescindere dal ripristino del doppio canale di reclutamento, utilizzando in via ordinaria anche le Graduatorie Provinciali per le Supplenze di prima e di seconda Fascia da utilizzarsi in caso di esaurimento o incapienza delle relative Graduatorie a Esaurimento. Un reclutamento su base prettamente provinciale attraverso graduatorie “per soli titoli” cui conferire al 50% il contingente utile per le immissioni in ruolo, infatti, consente non solo di rispondere in modo più diretto, semplice ed efficace alla richiesta di personale immediatamente disponibile a ricoprire tutte le cattedre vacanti nella provincia.

Ma consentirebbe, così come lo consentiva in via ordinaria proprio il doppio canale di reclutamento, di far accedere per merito il personale precario con più di tre anni di servizio a tutti gli incarichi sia a tempo indeterminato sia a tempo determinato. Infine, va ribadito che il Patto per la Scuola ha indicato la necessità di potenziare la formazione iniziale dei docenti della scuola secondaria, anche basandola su un modello formativo strutturato e integrato tra le Università e le scuole, idoneo a sviluppare coerentemente le competenze necessarie per l’esercizio della professione.

Leggi anche: Fase transitoria scuola: stabilizzazione precari con assunzione per titoli e servizio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *