Obbligo vaccinale personale Ata: l'equivoco nel decreto che causa incertezza
Scuola

Green Pass scuola: le modifiche da approvare entro il 20 novembre

Prosegue la battaglia dei sindacati contro la legittimità del Green Pass scuola e in generale del Green Pass, con particolare attenzione alla discriminazione che produce sui luoghi di lavoro. La Commissione Affari Costituzionali del Senato continua ad operare per l’esame degli emendamenti al disegno di legge Green pass ter “Conversione in legge del decreto-legge 21 settembre 2021, n. 127, sulle misure urgenti per assicurare lo svolgimento in sicurezza del lavoro pubblico e privato mediante l’estensione dell’ambito applicativo della certificazione verde COVID-19 e il rafforzamento del sistema di screening”.

Ridimensionare valore assolutistico del certificato

Ci sono moltissime proposte di modifica del testo originario del ddl anche da parte dei sindacati, nello specifico Anief. Adesso il decreto dovrà essere convertito entro il 20 novembre e, dopo questa fase in esame, passerà alla Camera dei deputati per la definitiva approvazione. Anief ha presentato ben 14 emendamenti finalizzati a ridimensionare il valore assolutistico di un certificato che sta costituendo un elemento discriminatorio per molti cittadini nell’ambito del mondo del lavoro.

“Il nostro sindacato – dichiara il suo presidente nazionale Marcello Pacifico – ritiene che non si possono aggravare i carichi di responsabilità dei lavoratori della scuola, di tutti i lavoratori del pubblico. Per questo, la nostra opera continua incessante per evitare le imposizioni illegittime, come il Green Pass per accedere al lavoro, ampliare il numero di dipendenti e delle sedi, ridurre la quantità di alunni per classe, migliorare gli stipendi, agire su educatori e Ata”.

Gli emendamenti presentati

Sono di diverso stampo gli emendamenti del giovane sindacato ala DDL 127. Riguardano i seguenti temi: Gratuità della certificazione verde; Tamponi rapidi salivari; Validità certificazione verde; Lavoro agile; Ripristino dell’organico Covid-19; Revisione organici; Interventi sul dimensionamento scolastico; Numero alunni per scuola; Rapporti alunni docenti; Adeguamento organico di fatto all’organico di diritto; Revisione criteri organico sostegno; Revisione criteri organici educatori; Indennità di rischio biologico; Assistenti tecnici negli istituti comprensivi.

Il sindacato aveva provato anche a presentare altri due elementi, che andavano a interessare altri ambiti e conseguenze dell’applicazione Green Pass. Ma gli emendamenti su “Validità certificazione verde” e su “Indennità di rischio biologico” sono stati respinti. A conferma che invece quelli approvati sono stati ritenuti validi e ragionevoli e hanno buone possibilità, almeno in parte di essere approvati.

Leggi anche: Green Pass scuola: non è possibile obbligare i lavoratori a comunicare il possesso con preavviso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *