Concorso ordinario scuola secondaria 2021: bando, date, prove cosa studiare, riapertura termini
Scuola

Concorso ordinario scuola secondaria 2021: bando, date, prove cosa studiare, riapertura termini

Restano pochi giorni per organizzare tutto, ma la sensazione è che il concorso ordinario scuola secondaria 2021 riuscirà a vedere la luce entro fine anno. Almeno è quello che emerge dall’accelerata che il ministero sta dando, grazie anche al parere del CSPI, ottenuto nelle ultime ore, che dà il via libera ai passaggi successivi che porteranno alla pubblicazione del bando, mettendo a conoscenza dei candidati date, bando, prove e cosa studiare. E le modalità specifiche del concorso.

Riapertura termini

La riapertura dei termini di iscrizione, nonostante le richieste dei sindacati, sembra essere un’ipotesi al momento bocciata. Nonostante le modifiche del bando, il miur ha deciso che parteciperanno al concorso unicamente i candidati che sono riusciti a iscriversi entro i termini previsti dal bando precedente. I tempi ristretti con cui questo concorso sta vedendo la lice è probabilmente decisivo per una decisione in questo senso.

La conferma è che il concorso sarà caratterizzato dalla procedura semplificata, quindi niente prova preselettiva ma direttamente prova scritta e prova orale. Poi valutazione dei titoli e dei punteggi ottenuti nelle prove.

Le prove

La prova scritta sarà computer-based, distinta per classe di concorso e tipologia di posto.
Durerà 100 minuti, ma potranno essere aggiunti ulteriori minuti se necessario. La prova scritta riguarderà i programmi di cui all’articolo 8 del decreto, ed è composta da cinquanta quesiti, così divisi:

per i posti comuni, quaranta quesiti a risposta multipla distinti per ciascuna classe di concorso, finalizzati all’accertamento delle competenze e delle conoscenze del candidato sulle discipline afferenti alla classe di concorso stessa;

per i posti di sostegno, quaranta quesiti a risposta multipla inerenti alle metodologie didattiche da applicarsi alle diverse tipologie di disabilità, finalizzati a valutare le conoscenze dei contenuti e delle procedure volte all’inclusione scolastica degli alunni con disabilità;

per entrambe le tipologie di posto, cinque quesiti a risposta multipla sulla conoscenza della lingua inglese al livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue e cinque quesiti a risposta multipla sulle competenze digitali inerenti l’uso didattico delle tecnologie e dei dispositivi elettronici multimediali più efficaci per potenziare la qualità dell’apprendimento.

Classi di concorso

La prova scritta per le classi di concorso A-24, A-25 e B-02 relativamente alla lingua inglese è composta da cinquanta quesiti, così divisi:

quarantacinque quesiti a risposta multipla distinti per ciascuna classe di concorso, finalizzato a verificare le competenze e delle conoscenze del candidato sulle discipline afferenti alla classe di concorso stessa;

cinque quesiti a risposta multipla sulle competenze digitali inerenti l’uso didattico delle tecnologie e dei dispositivi elettronici multimediali più efficaci per potenziare la qualità dell’apprendimento.

I quesiti saranno caratterizzati da una domanda seguita da quattro risposte, delle quali solo una è esatta.

Ogni candidato riceverà 50 quesiti organizzati in modalità casuale, quindi diversa per ciascun candidato. I quesiti non verranno pubblicati prima del concorso.

La prova orale

Chi supera la prova scritta potrà sostenere la prova orale. Per i posti comuni, verte sui programmi dell’allegato A ed è finalizzata a verificare la padronanza delle discipline, la relativa capacità di progettazione didattica efficace, anche con riferimento all’uso didattico delle tecnologie e dei dispositivi elettronici multimediali, finalizzato al raggiungimento degli obiettivi previsti dagli ordinamenti didattici vigenti, si legge sul testo delle bozza di decreto.

La prova orale per i posti di sostegno, invece, verte sul programma di cui al medesimo Allegato A e valuta la competenza del candidato nelle attività di sostegno all’alunno con disabilità volte alla definizione di ambienti di apprendimento, alla progettazione didattica e curricolare per garantire l’inclusione e il raggiungimento di obiettivi adeguati alle possibili potenzialità e alle differenti tipologie di disabilità, anche mediante l’impiego didattico delle tecnologie e dei dispositivi elettronici multimediali. La prova orale potrà durare al massimo 45 minuti.

Scelte contenutistiche

Nel corso della prova orale, il candidato dovrà progettare una attività didattica, all’interno della quale illustrare scelte contenutistiche, didattiche e metodologiche compiute e di esempi di utilizzo pratico delle tecnologie digitali. Per le classi di concorso A-24, A-25 e B-02 la prova orale è in lingua straniera.

La prova orale per i posti comuni e di sostegno valuterà inoltre la capacità di comprensione e conversazione in lingua inglese almeno al livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue ad eccezione dei candidati per le classi di concorso A-24, A-25 e B-02 per la lingua inglese, nonché della specifica capacità didattica, che nel caso dei posti di sostegno contempla la didattica speciale.

Leggi tutto:Concorso ordinario scuola secondaria 2021: finalmente ci siamo, c’è il via libera del Cspi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *