Dopo quanto tempo arriva il green pass dopo la prima dose: guida completa e consigli utili
Notizie dal mondo

Delega controllo Green Pass, fac simile pdf: chi controlla il datore di lavoro

Dal 15 ottobre aziende e privati dovranno controllare il Green Pass dei propri dipendenti, senza il quale sarà interdetto l’accesso al proprio posto di lavoro. Cresce l’ansia da parte di chi deve adempiere a questo obbligo e soprattutto da parte di chi è predisposti ai controlli, su cui ricade la maggiore responsabilità. Diciamo subito che deve controllare il green Pass dei dipendenti il datore di lavoro. Ma si può anche effettuare una delega controllo reen Pass, in modo da incaricare una persona preposta esclusivamente a questo compito. Ecco la delega controllo green pass fac simile pdf.

Delega controlli Green Pass Pdf

Chi controlla il datore di lavoro

La domanda nasce spontanea: chi controlla datore di lavoro o persona che ha avuto la delega per controllare? Nel caso di qualcuno che ha avuto la delega, dovrebbe essere il datore di lavoro stesso a controllare almeno il delegato, che procederà poi a controllare tutti gli altri dipendenti come da incarico ricevuto. In questo caso, il controllo può essere incrociato: il delegato può controllare anche il Green Pass del datore di lavoro. Ma che succede se il datore di lavoro decide di non dare nessuna delega e di occuparsi in prima persona dei controlli?

Chi controllerà il datore di lavoro? La normativa prevista dal Governo in questo caso non prevede il caso specifico. E’ possibile che nei prossimi giorni, man mano che si verificheranno fattispecie particolari come questa, il Governo possa emettere delle speciali Faq con le quali dare risposta ad hoc. Nel frattempo l’orientamento sembra essere quello di consentire al datore di lavoro di controllare se stesso. Può sembrare un paradosso, ma alla fine si parte dal presupposto che, in caso di controllo, se il datore stesso dovesse essere sprovvisto di green Pass, incorrerebbe in sanzioni non da poco.

Chi sono i datori di lavoro

Per datore di lavoro si intende il dirigente apicale di ogni amministrazione o soggetto equivalente, a seconda del relativo ordinamento. Nel caso di presenza di una o più sedi decentrate, il dirigente apicale può delegare la funzione con atto scritto a un altro soggetto, preferibilmente con qualifica dirigenziale.

Modalità dei controlli

Il Governo nell’emanare le linee guida ha specificato, a scanso di equivoci, che non sono ammesse deroghe agli obblighi di possesso del Green Pass. I controlli, però, potranno essere anche a campione, per consentire alle aziende di non caricare eccessivamente di burocrazia gli ingressi a lavoro, soprattutto all’inizio quando la gestione sarà ancora tutta da apprendere.

I controlli dovranno essere effettuati tutti i giorni, e preferibilmente all’ingresso, in due modalità. Potranno avvenire a campione. In caso di controllo a campione, il controllo quotidiano non potrà essere in misura inferiore al 20% del personale presente in servizio. Non solo: i controlli dovranno seguire un criterio di rotazione che consenta in cinque giorni di arrivare alla copertura del 100% dei dipendenti.

Le app disponibili

Sarà a disposizione delle aziende e delle amministrazioni un pacchetto di sviluppo per applicazioni (Software Development Kit-SDK) con licenza open source. Sarà consentito, in caso di malfunzionamento di tali soluzioni, l’utilizzo dell’applicazione ‘VerificaC19′, già disponibile gratuitamente sulle principali piattaforme per la distribuzione delle app sugli smartphone. Valido anche NoiPa, per le amministrazione he già ne fanno uso.

Leggi anche: Green pass lavoro privato: le regole per partite iva, idraulici, elettricisti, baby sitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *