Concorso ordinario scuola ultime notizie: Miur invia documentazione a Cspi per il parere
Scuola

Concorso ordinario scuola ultime notizie: Miur invia decreto al Cspi per il parere

In attesa di conoscere la data precisa dei nuovi concorsi ordinari in programma entro fine anno, ci si può cominciare a fare un’idea delle modalità di svolgimento dell’anno di prova e formazione riservato a chi avrà la bravura e anche la fortuna di superare le prove previste. Che, lo ricordiamo, saranno orfane della preselettiva, ormai mandata in archivio nell’ambito delle semplificazioni volute dal Governo.

Invio al Cspi del decreto

Il Miur ha già provveduto a dare comunicazione al CSPI per il parere, del decreto relativo alle misure in merito allo svolgimento dell’anno di prova per i neo-assunti tramite il concorso ordinario. L’anno di prova sarà riservato al personale che risulterà assunto a seguito dell’attuazione del concorso ordinario.

Il periodo di formazione e prova sarà finalizzato a verificare le competenze professionali del docente, osservate nell’azione didattica svolta e nelle attività ad essa preordinate e ad essa strumentali, nonché nell’ambito delle dinamiche organizzative dell’istituzione scolastica.

Periodo di formazione e prova

Il periodo di formazione e di prova prevede un primo anno di servizio con incarico a tempo indeterminato. In caso di richiesta di proroga del periodo di formazione e prova o di impossibilità a completarlo negli anni precedenti. In ogni caso la ripetizione del periodo comporta la partecipazione alle connesse attività di formazione, che sono da considerarsi parte integrante del servizio in anno di prova.

In caso di valutazione negativa del periodo di formazione e di prova, il personale docente effettua un secondo periodo di formazione e di prova, non rinnovabile. Il superamento del periodo di formazione e prova è subordinato allo svolgimento del servizio effettivamente prestato per almeno centottanta giorni nel corso dell’anno scolastico, di cui almeno centoventi per le attività didattiche.

Le competenze da dimostrare

Queste le competenze che il candidato deve dimostrare di possedere:

a. possesso ed esercizio delle competenze culturali, disciplinari, informatiche, linguistiche didattiche e metodologiche, con riferimento ai nuclei fondanti dei saperi e ai traguardi di competenza e agli obiettivi di apprendimento previsti dagli ordinamenti vigenti;

b. competenze relazionali, organizzative e gestionali;

c. competenze di orientamento e di ricerca, documentazione e valutazione;

d. osservanza dei doveri connessi con lo status di dipendente pubblico e inerenti la funzione docente;

e. partecipazione alle attività formative e raggiungimento degli obiettivi dalle stesse previsti.

Le date del concorso ordinario scuola

Non resta adesso che attendere notizie circa i tempi di attuazione del concorso ordinario. Che, ricordiamo, è stato già bandito e per il quale sono già state chiuse le iscrizioni, che non saranno riaperte. Se davvero il Governo vuole mantenere la parola data, circa l’attuazione del concorso entro fine 2021, nelle prossime settimane arriveranno notizie più concrete in merito.

Leggi anche: Supplenze docenti: i due motivi che stanno penalizzando i precari storici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *