Assenza ingiustificata Green Pass: cosa rischia il lavoratore
Ata

Concorso Dsga: quali argomenti studiare per superare le prove

In attesa dei bandi di concorso per la scuola, lato docenti, previsti entro la fine del 2021, arriva la notizia dell’imminente pubblicazione del decreto ministeriale inerente il nuovo concorso Dsga. Mancava il parere del Cspi che di fatto sblocca il nuovo concorso.

La bozza del concorso

La bozza del concorso indice le selezioni su base regionale, in base alla disponibilità di posti nel periodo di riferimento, oppure in base all’esaurimento, nell’ambito di una o più regioni, delle graduatorie di merito. I requisiti per partecipare sono quelli generici: possesso della cittadinanza italiana, o di uno degli Stati membri dell’Unione europea, oppure cittadinanza di uno Stato diverso da quelli appartenenti all’Unione europea.

Per quanto riguarda il requisito inerente i titoli di accesso, serve essere in possesso dei diplomi di laurea, delle lauree specialistiche e delle lauree magistrali o analoghi titoli conseguiti all’estero considerati validi.

Le prove

Niente prova preselettiva: si comincia subito con una prova scritta, una prova orale e la valutazione dei titoli. La prova scritta si svolgerà in sedi decentrate e attraverso il supporto di strumentazione informatica. La prova orale può essere svolta in videoconferenza. La valutazione dei titoli viene effettuata dopo la prova orale, una volta che questa è stata superata. La prova scritta, computer-based e uguale in tutta Italia. Verrà svolta nelle sedi individuate dagli uffici scolastici regionali. La prova scritta si basa su 60 quesiti, con quattro opzioni di risposta.

Gli argomenti da studiare

Questi gli argomenti da studiare per essere preparati sui 60 quesiti:

Diritto Costituzionale e Diritto Amministrativo con riferimento al diritto dell’Unione europea n. 5 quesiti;
Diritto civile n. 4 quesiti;
Contabilità pubblica con particolare riferimento alla gestione amministrativo contabile delle istituzioni scolastiche n. 18 quesiti;
Diritto del lavoro, con particolare riferimento al pubblico impiego contrattualizzato, n. 10 quesiti;
Legislazione scolastica n. 8 quesiti;
Ordinamento e gestione amministrativa delle istituzioni scolastiche autonome e stato giuridico del personale scolastico n.12 quesiti;
Diritto penale con particolare riguardo ai delitti contro la Pubblica Amministrazione n. 3 quesiti.
L’ordine dei quesiti è somministrato in modalità casuale per ciascun candidato.

Non verranno resi noti i quesiti prima dello svolgimento della prova. La durata complessiva della prova è di 120 minuti.

La prova orale

La prova orale consiste in:

un colloquio sulle materie d’esame di cui all’allegato B, che accerta la preparazione professionale del candidato sulle medesime e verifica la capacità di risolvere un caso riguardante la funzione di DSGA;
una verifica della conoscenza degli strumenti informatici e delle TIC di più comune impiego;
una verifica della conoscenza della lingua inglese attraverso la lettura e traduzione di un testo scelto dalla Commissione.

La prova orale ha una durata massima complessiva di 40 minuti.

Valutazione titoli

Le commissioni giudicatrici, complessivamente, dispongono di centocinquanta (150) punti, di cui sessanta (60) per la prova scritta, sessanta (60) per la prova orale e trenta (30) per i titoli. Alla prova scritta è assegnato un punteggio massimo di 60 punti. A ciascuno dei 60 quesiti a risposta multipla è attribuito un punteggio pari a 1 punto, per ogni risposta esatta, e 0 punti per ogni risposta non data o errata. Accedono alla prova orale i candidati che abbiano conseguito un punteggio di almeno 42/60.

La commissione assegna alla prova orale un punteggio massimo complessivo di 60 punti. La prova è superata dai candidati che conseguono un punteggio non inferiore a 42 punti. I candidati che superano la prova orale accedono alla valutazione dei titoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *