Concorso scuola 2022, ordinario: servono i 24 Cfu, date, prove
Concorsi

Mega concorso Inps 2021 da 2000 posti: scadenza domanda, prove e requisiti

In arrivo il mega concorso Inps 2021 per coprire, attraverso il reclutamento di laureati, circa 2000 posti disponibili. Per la precisione, l’istituto di previdenza sociale ha indetto un concorso per coprire la richiesta di 1858 posizioni da consulenti per la protezione sociale. Il requisito minimo per partecipare al concorso è la laurea in varie discipline per sedi di lavoro sparse in tutta Italia.

Scadenza domanda

C’è tempo tutto il mese di ottobre per presentare la domanda, considerato che la scadenza è fissata per il prossimo 2 novembre. Vediamo quali sono le indicazioni che fornisce il bando, contenente tutte le indicazioni utili per questo mega concorso.

Il concorso Inps 2021 rientra nel piano assunzioni Inps. La necessità dell’istituto di previdenza sociale è quello di inserire nel proprio organico 5mila persone nel periodo che va dal 2021 al 2023 come consulente protezione sociale nei ruoli del personale dell’INPS, area C, posizione economica C1.

Questi i requisiti

cittadinanza italiana o di uno degli Stati membri dell’Unione Europea o appartenenza a una delle tipologie previste dall’art.38 del d.lgs. 30 marzo 2001, n.165 e s.m.i.
non essere stato destituito, dispensato o licenziato dall’impiego presso una pubblica amministrazione e non essere stato dichiarato decaduto da altro impiego pubblico, né essere stato interdetto dai pubblici uffici ai sensi della vigente normativa in materia
non aver riportato condanne penali, ancorché non passate in giudicato, che impediscano la costituzione o la prosecuzione del rapporto di lavoro con la pubblica amministrazione
posizione regolare nei riguardi degli obblighi militari laddove previsti per legge
godimento dei diritti politici e civili
idoneità fisica all’impiego

Mega concorso Inps per 1858 assunzioni: titoli di studio

Il titolo di studio richiesto per questo concorso Inps è la laurea magistrale o specialistica in una delle seguenti discipline:

finanza (LM-16 o 19/S);
ingegneria gestionale (LM-31 o 34/S);
relazioni internazionali (LM52 o 60/S);
scienze dell’economia (LM-56 o 64/S);
scienze della politica (LM-62 o 70/S);
scienze delle pubbliche amministrazioni (LM-63 o 71/S);
scienze economiche per l’ambiente e la cultura (LM-76 o 83/S);
scienze economicoaziendali (LM-77 o 84/S);
scienze per la cooperazione allo sviluppo (LM-81 o 88/S);
scienze statistiche (LM-82);
metodi per l’analisi valutativa dei sistemi complessi 48/S);
statistica demografica e sociale (90/S);
statistica economica finanziaria ed attuariale (91/S);
statistica per la ricerca sperimentale (92/S);
scienze statistiche attuariali e finanziarie (LM-83);
servizio sociale e politiche sociali (LM-87);
programmazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali (57/S);
sociologia e ricerca sociale (LM-88);
sociologia (89/S);
metodi per la ricerca empirica nelle scienze sociali (49/S);
studi europei (LM-90 o 99/S);
giurisprudenza (LMG-01 o 22/S);
teoria e tecniche della normazione e dell’informazione giuridica (102/S)

Si può partecipare anche con diploma di laurea secondo il vecchio ordinamento corrispondenti ad una delle lauree magistrali specificate in precedenza.

Le prove

Il concorso è composto da due prove, una scritta ed una orale. Al contrario di quanto ormai avviene in virtù del decreto semplificazioni Brunetta per i concorsi pubblici, ci sarà una prova preselettiva per candidati. La prova preselettiva si compone di quesiti a risposta multipla, di carattere psicoattitudinale, logica, lingua inglese, competenze informatiche, cultura generale.

La Prima prova scritta è composta da quesiti a risposta multipla per accertare la conoscenza delle seguenti materie:

bilancio e contabilità pubblica;
pianificazione, programmazione e controllo e organizzazione e gestione aziendale;
diritto amministrativo e costituzionale;
diritto del lavoro e legislazione sociale.
La prova è valutata in trentesimi. Superano la prima prova scritta i candidati che
riportano il punteggio di almeno 21/30.

La seconda prova scritta si compone di quesiti a risposta multipla e mira ad accertare la conoscenza delle seguenti materie:

scienza delle finanze;
economia del lavoro;
elementi di economia politica;
diritto civile;
elementi di diritto penale.

Per superare la prova scritta di deve raggiungere il punteggio minimo di 21/30.

Leggi anche: Concorso Guardia di Finanza 2021: 1.409 posti, come presentare domanda, scadenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *