Supplenze Gps: l'errore nella domanda che sta costando caro a molti docenti
Graduatorie di Istituto

Supplenze Gps: l’errore nella domanda che sta costando caro a molti docenti

Le incongruenze, o almeno quelle che appaiono tali, dell’algoritmo utilizzando per l’informatizzazione nomine supplenze, in molti casi potrebbero essere provocate dal tipo di scelte effettuate in sede di compilazione della domanda telematica su Istanze Online. Il fatto che si stia parlando molto dei difetti e delle criticità dell’algoritmo, che certamente ha i suoi difetti, rischia di far finire tutte le casistiche nello stesso calderone.

Non sempre è colpa dell’algoritmo

E così chi non ha ricevuto una supplenza nel primo turno di nomina, e nel secondo turno vede supplenze attribuite a chi lo seguiva n graduatoria, attribuisce il tutto a un errore dell’algoritmo. E invece è semplicemente la procedura che il sistema informatizzato deve seguire, e l’errore potrebbe invece risiedere nel tipo di compilazione della domanda inoltrata.

La normativa prevede infatti che “La mancata indicazione di talune sedi nella procedura informatizzata è altresì intesa quale rinuncia per le sedi non espresse e la rinuncia all’incarico preclude il rifacimento delle operazioni anche per altra classe di concorso o tipologia di posto”.

Forti penalizzazioni

Ciò comporta che prende parte al secondo turno di nomina chi si trova in posizione successiva all’ultimo dei nominati nel primo turno. Ciò significa che se un candidato, nella domanda inoltrata su Istanze Online, non abbia indicato tutte le sedi disponibili tra le sue preferenze e, in occasione del primo turno di nomina, non sia stato soddisfatto in relazione alle preferenze espresse per indisponibilità, è considerato rinunciatario con riferimento alle sedi per cui non abbia espresso preferenza, con conseguente perdita di assegnazione dell’incarico a tempo determinato per l’anno scolastico 2021/22.

Quindi risultano fortemente penalizzati coloro i quali si sono limitati a esprimere solo una parte delle preferenze possibili. Il motivo, però, è anche da ricercare nel ritardo con cui le stesse disponibilità sono state rese note da parte degli uffici provinciali. Il che ha comportato in molti casi due conseguenze: che i candidati non abbiano inserito tutte le preferenze sulle disponibilità, trovandosi ora nella situazione di veder assegnata la sede a qualcuno che li seguiva in graduatoria.

Le criticità da risolvere

Oppure che il candidato abbia aspettato talmente tanto a inoltrare la domanda, proprio per avere contezza di tutte le disponibilità, che poi non è riuscito a inoltrare la domanda stessa, a causa dei problemi tecnici che hanno riguardato i server di Istanze Online negli ultimi giorni disponibili. Una serie di fattispecie che il ministero dovrà analizzare e vagliare attentamente in vista del prossimo anno, in modo da tenere quanto di buono fatto con l’informatizzazione nomine supplenze, ma facendo anche attenzione a risolvere le criticità emerse.

13 commenti su “Supplenze Gps: l’errore nella domanda che sta costando caro a molti docenti

  1. Mi spiace ma ci sono degli errori! Io ho inserito per la stessa scuola in ordine: annuale, fino al termine e spezzone e… seppur fossero disponili 3 cattedre “fino al termine” ( pubblicate dal mio usp!) ho ricevuto lo spezzone, seppur fosse la mia terza scelta e ribadisco ci siano ad oggi ancora 2 cattedre fino al termine vacanti!!

  2. Concordo con il commento della collega. Anche io ho riscontrato problemi con l’algoritmo che, non mi hanno permesso di ottenere l’incarico. Scavalcata dalla II fascia e dalla graduatoria incrociata, quindi senza titolo di specializzazione. Scelta espressa seguendo le linee guida a me è costato questo, ad altri miei colleghi opzionando solo le scuole, è stato assegnato incarico annuale ad esempio, ecc.

  3. Nonostante la mia prima scelta sia stata annualità, poi termine lezione e infine spezzone , mi è stata attribuito lo spezzone nonostante chi dopo di me ha preso l’ annualità , e ad ora gli uffici ancora non mi danno un riscontro.

  4. Da premettere che abbiamo fatto una domanda senza conoscere le disponibilità….poi successivamente al primo turno di nomina sono emerse( per puro caso) nuove sedi…..espresse dal candidato ma non disponibili al suo turno….perché il candidato non deve essere rivalutato se nella sua scelta ci sono le sedi sopraggiunte. A qs punto non ha avuto senso dire di dare delle preferenze….venivano attribuite e basta. Bloccate qs sistema perché i precari con 15 anni di servizio sono rimasti a casa.

  5. Da aggiungere anche gli errori di non aver spuntato tutti i quadratini necessari per ogni singola scuola distretto o comune, relativo ad annualità, termine delle lezioni o spezzoni…e non perché nn si sia voluto fare ma perché le informazioni ricevute riguardo la compilazione della domanda non sono state sufficienti e chiare nell’aiutare il candidato nell’esatta compilazione.
    Troppo poco tempo per assimilare una nuova procedura così lunga che credo debba essere di competenza delle amministrazioni e non forse di un docente.
    E così anche chi si trovava in 1 fascia in posti alti in graduatoria non risulta essere stato chiamato per quella classe di concorso.
    Ma la colpa non è dell’algoritmo ma del candidato, che non ha saputo compilare una domanda in una settimana, senza neanche avere tutte le disponibilità entro la data di chiusura.
    Da parte di chi compila ,si richiede precisione, esattezza, rispetto della tempistica…e da parte di chi fornisce il servizio????

  6. Il punto è che ogni anno se ne inventano una nuova, e l’intento è lasciare falle nel sistema per poter inserire candidati ad hoc. È sotto gli occhi di tutti, così un anno scadono le GAE, un anno ti interdicono le GI perché hai rinunciato da GPS, poi concorsi straordinari, stem, ordinari, è un circo!

  7. Aggiungerei anche quelli che nella domanda hanno messo tutte le classi di concorso che hanno anche se non gli interessavano tutte, e il sistema gli assegna quelle che non voleva, facendo perdere l’assegnazione a chi era interessato e farlo risultare rinunciatario anche lui..

  8. A mio avviso le GPS di quest’ anno andrebbero invalidate e rifatte con un vademecum più trasparente, troppi errori e troppe ingiustizie!

  9. Io ho ricevuto uno spezzone, pur avendo inserito prima le cattedre intere e ora non posso accettare conpletamenti, perché dall’uso risulto rinunciatario di cattedre complete. Ma quando mai???? Schifo infinito e uno non sa a chi rivolgersi

  10. Be certo, la colpa è di chi fa la domanda, è inutile studiare e fare punteggi se l’algoritmo prende chi ha un punteggio inferiore rispetto al mio solo perchè nella seconda fase sono state aggiunte nuove posizioni da me scelte ma ormai era passato il mio turno! Questa è fortuna non c’è più una graduatoria!

  11. Io avevo messo san che cesario sul Panaro come prima scelta, poi come seconda Spilamberto, terza vignola ,pii Modena dopo Carpi alla fine mi hanno dato Carpi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *