Nomine supplenze gps: posti ancora scoperti, chi può presentare domanda e come
Graduatorie di Istituto

Nomine supplenze gps: posti ancora scoperti, chi può presentare domanda e come

Terminate o quasi le assegnazioni da supplenze Gps, è il momento per i dirigenti scolastici di attingere alle domande di messa a disposizione per colmare le caselle mancanti nell’organico, e come sempre non saranno poche. Il dirigente scolastico ricorre alle domande di mesa a disposizione solo dopo che sono esaurite le graduatorie di istituto. Le domande di messa a disposizione possono essere presentate solo dai docenti che non risultino iscritti in alcuna graduatoria provinciale e di istituto. Possono essere presentate per una provincia da dichiarare espressamente nell’istanza.

Chi può presentare domanda

Quindi possono presentare domanda solo candidati non inseriti in graduatoria. Il concetto vale sia per i posti di sostegno che per posto comune. In caso di concorrenza di più istanze, i dirigenti scolastici daranno precedenza ai docenti abilitati e ai docenti specializzati. Le supplenze possono essere fino al 31 agosto (annuali), fino al 30 giugno, temporanee (maternità, malattie, aspettative).

In questi giorni con grande fatica a causa dei problemi causati agli Uffici scolastici dall’algoritmo difettoso, si stanno completando le attribuzioni delle supplenze per l’anno scolastico 2020/21. La procedura informatizzata voluta dal ministero ha sicuramente accorciato i tempi, ma anche provocato molti errori, che probabilmente continueranno a manifestarsi nelle prossime settimane provocando rettifiche e revoche delle nomine.

Meccanismo da perfezionare

Un meccanismo sicuramente buono ma che il prossimo anno dovrà essere ulteriormente perfezionato. Ulteriori disponibilità rispetto alle assegnazioni nei confronti di coloro che hanno presentato domanda entro il 21 agosto (nessuna proroga è stata concessa nonostante i problemi causati dal tilt del server di Istanze Online negli ultimi giorni utili per la presentazione della domanda) saranno gestite sempre attraverso la piattaforma oppure attraverso le graduatorie di istituto, in caso di esaurimento di GaE e GPS.

Perchè le limitazioni

La limitazione ad una provincia, ed esclusivamente da aspiranti non inseriti in graduatoria relativa alla domanda di messa a disposizione, è una scelta finalizzata a facilitare il lavoro delle segreterie scolastiche. Al momento le immissioni in ruolo effettuate sono circa 60.000 a fronte delle 20.000 dello scorso anno scolastico. Vedremo se le supplenze già assegnate da GaE e GPS e il ricorso alle graduatorie di istituto già costituite con la domanda presentata entro il 6 agosto 2020 saranno sufficienti a coprire i posti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *