Compilazione domanda supplenze: lo strano caso della stessa provincia GaE e GPS
Scuola

Concorso straordinario: risultati e date di immissione in ruolo

Il Concorso straordinario docenti è stato l’unico iniziato, proseguito e terminato per la scuola in piena pandemia. Un concorso che non doveva vedere la luce, per le condizioni difficili in cui stava nascendo. Ma che poi, per la ferma condizione della ex Ministra Azzolina, è stato completato. I risultati arrivano: ci sono disponibili 32.000 posti per il ruolo da settembre 2021.Concorso straordinario: risultati e date di immissione in ruolo

I verdetti

Un concorso per il quale non sono mancate le polemiche, ma in ogni caso ha dato il suo verdetto. E tutti i candidati che hanno avuto il merito di passare la prova scritta e che rientrano nel numero dei posti messi a bando per la classe di concorso per la quale hanno partecipato, sono in attesa di ottenere il tanto agognato contratto di assunzione a tempo indeterminato dal 1° settembre 2021.

Non solo: una gran parte di loro potrà beneficiare della retrodatazione giuridica dal 1° settembre 2020. Nel frattempo alcuni USR stanno provvedendo alla pubblicazione dell’elenco graduato. In questo elenco potete trovare il vostro nome se rientrate tra quegli insegnanti che sono riusciti a superare la prova scritta ma non rientrano nel numero dei posti a bando.

Composizione delle graduatorie

Rientrano nelle graduatorie i docenti che sono riusciti a passare la prova ottenendo un punteggio che si attesta a un minimo di 56/80. Questo consente loro di rientrare nel numero dei posti a bando. Tutta la regolamentazione è inserita nell’allegato A del DD n. 783 dell’08 luglio 2020

Per ottenere il punteggio della graduatoria è necessario sommare:

  • punteggio prova scritta (minimo 56, max 80)
  • punteggio titoli max 20 Cosa fa punteggio in graduatoria
  • vengono indicate eventuali preferenze
  • vengono indicate eventuali riserve

Elenco non graduato

Esiste anche un elenco non graduato. In questa speciale classifica rientrano tutti quegli insegnanti che non rientrano nei posti messi a bando, pur essendo riusciti a ottenere il punteggio di almeno 56/80 che ha consentito loro di superare il concorso. Per questi docenti una buona notizia e una cattiva. La buona notizia è che avranno diritto a conseguire l’abilitazione. La cattiva notizia e che non potranno essere assunti da questa procedura di reclutamento.

Rispetto al recente passato, per la pubblicazione di Graduatorie ed elenco non graduato sono state introdotti alcuni cambiamenti. La novità maggiore è rappresentata dal fatto che la graduatoria viene integrata con i nomi di tutti i docenti che hanno superato la prova scritta con almeno 56/80. Ma per queste modifiche non ci sarà applicazione fino a quando non sarà completata la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

In questi giorni gli elenchi sono in continuo aggiornamento, anche se in molti casi ci sono commissioni che sono riuscite a pubblicare il risultato delle prove. La speranza è che tutta la procedura possa essere completata entro fine agosto, in modo da fare in tempo per l’inizio del prossimo anno scolastico.

Leggi anche:

Presentare ricorso

In caso si riscontri vizio di legittimità, si può presentare ricorso straordinario al Presidente della Repubblica. I tempi per il ricorso sono di 120 giorni. C’è anche la possibilità di presentare ricorso giurisdizionale al competente TAR entro 60 giorni dalla data di pubblicazione all’Albo elettronico dell’Ufficio Scolastico regionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *